Breadcrumbs

Difendere la rivoluzione cubana! 

 
La rivoluzione cubana si trova ad affrontare ulteriori attacchi da parte delle potenze capitalistiche. C'è una campagna diffamatoria e isterica su scala internazionale, che dimostra ancora una volta di più l'odio dei borghesi per una rivoluzione, che a dispetto dei suoi errori e delle difficoltà resiste e continua  a rappresentare un polo di attrazione per i lavoratori e i contadini dell’America Latina e a livello internazionale.
 
Orlando Zapata, un detenuto che è stato arrestato inizialmente per reati come frode, accoltellamento, furto con scasso e reati di ordine pubblico, ha cominciato uno sciopero della fame chiedendo un televisore, un fornello e un telefono personale nella sua cella. E 'stato sostenuto e manipolato dalla contro-rivoluzione con sede a Miami, fino a quando alla fine è morto. La morte di questo prigioniero è indubbiamente un fatto triste, ma è diventata la punta di lancia di una nuova campagna contro la rivoluzione cubana.

Dopo la morte di Zapata, quattro detenuti hanno cominciato uno sciopero della fame, anche se lo hanno interrotto dopo un breve periodo di tempo. Solo uno, Guillermo Fariñas, ha continuato, nella sua casa di Santa Clara dove si trova agli arresti domiciliari.

La borghesia sta dimostrando di avere due pesi e due misure. Nelle carceri degli Stati Uniti 7.000 detenuti muoiono ogni anno. Molti vengono uccisi o si suicidano, ma quando un detenuto muore a Cuba, gli imperialisti improvvisamente iniziano a preoccuparsi di diritti umani nelle carceri. Lo scopo non è quello di promuovere il miglioramento delle condizioni dei detenuti, ma di ricattare la rivoluzione cubana e di avanzare nella lotta per distruggerla, utilizzando una fraseologia ipocrita piena di parole come "la transizione alla democrazia", che non è altro che un tentativo di restaurare il capitalismo.

I capitalisti non si basano su argomenti morali, ma sui loro interessi di classe. Un chiaro esempio di questo è la recente relazione sulla valutazione dei diritti umani in 194 paesi, che il Dipartimento di Stato svolge annualmente, nella quale i paesi con le peggiori  valutazioni sono Cuba e Venezuela. Nel frattempo, nel caso dell’ Honduras, mentre si criticano alcuni dei crimini avvenuti durante il periodo del governo di Micheletti, hanno riconosciuto il governo di Porfirio Lobo come democratico, senza fare alcun accenno alle torture, gli assassinii  e la prigionia che i lavoratori, i contadini e gli studenti stanno subendo . Non abbiamo sentito da Barack Obama o del Parlamento europeo nulla su questo regime, ma abbiamo sentito la loro condanna della rivoluzione cubana e venezuelana.

I capitalisti e i loro rappresentanti negli Stati Uniti e i governi europei non si sono limitati a dichiarazioni su Cuba, ma hanno montato una serie di azioni che cercano di destabilizzarla, promuovendo mobilitazioni, anche se minuscole, delle "Damas de Blanco" [Donne in bianco ] a Cuba, a cui hanno partecipato diplomatici americani ed europei come il tedesco Volken Pellet. Anche a Miami hanno organizzato dimostrazioni contro la Rivoluzione cubana dove "stimati" cittadini come il terrorista Posadas Carriles hanno partecipato. Queste azioni sono state contrastate da grandi manifestazioni in cui gli studenti della FEU hanno organizzato numerosi atti di protesta in città come Santiago de Cuba e L'Avana. A livello internazionale abbiamo visto mobilitazioni importanti, che dimostrano solidarietà e appoggio alla rivoluzione cubana.

La reale preoccupazione degli imperialisti non sono i diritti umani, la libertà e la democrazia. Quello che cercano è di distruggere la rivoluzione. Ciò che l'imperialismo non può consentire è l'esistenza di un paese che sfida il proprio dominio, in cui la proprietà privata dei mezzi di produzione è stata abolita. Nel contesto reale dell’attuale  ondata rivoluzionaria in America Latina, la rivoluzione cubana rappresenta una fonte di ispirazione per milioni di lavoratori, contadini e giovani. L'abolizione del capitalismo e la pianificazione dell'economia sono la base su cui i progressi che la rivoluzione cubana ha reso nel campo dell'istruzione, della sanità e degli alloggi, soprattutto, sono stati raggiunti. I "diritti democratici" che il Parlamento europeo e i media internazionali borghesi propagandano non sono altro che il "diritto" di sfruttare il lavoro degli altri, il "diritto" a vivere in strada perché non si può pagare  l'affitto, il "diritto" all’analfabetismo, per mancanza di un’istruzione pubblica, il "diritto" a morire di malattie curabili perché un servizio sanitario pubblico che serve a tutti non produce utili, il "diritto" alla disoccupazione e alla povertà, il "diritto" alla proprietà privata di gran parte della terra per un pugno di grandi proprietari terrieri di inattività, etc. Le masse dell'America Latina sanno tutto di questi "diritti democratici".

In questa battaglia, la Tendenza Marxista Internazionale è incondizionatamente dalla parte della rivoluzione cubana contro gli attacchi dell’imperialismo e dell’"opinione pubblica” democratico-borghese. Il popolo cubano ha resistito a enormi pressioni in particolare dopo la caduta dell'URSS, e, soprattutto, ha eroicamente mantenuto viva la rivoluzione. L'isolamento della rivoluzione in una piccola isola a 90 miglia dagli Stati Uniti ha inevitabilmente creato gravi problemi. Anche Fidel ha messo in guardia contro il ruolo della burocrazia e la corruzione. Le relazioni tra Cuba e il mercato mondiale capitalistico sono totalmente inique e sono una fonte di penetrazione del capitalismo nell'economia pianificata. A Cuba questo ha aperto un dibattito sul futuro della rivoluzione. Alcuni hanno chiesto riforme di mercato "alla cinese” (o di adottare il modello vietnamita). Dobbiamo spiegare che una tale strada sarebbe un disastro, che aprirebbe la porta ad una rapida restaurazione del capitalismo. Ma in questo dibattito si possono anche ascoltare altre voci che richiedono una soluzione ai problemi che la rivoluzione affronta attraverso una maggiore partecipazione della popolazione nella gestione dell'economia e dello Stato, difendendo la rivoluzione, non con l'introduzione di metodi capitalisti.

Per noi, il modo migliore per difendere la Rivoluzione cubana è la più ampia democrazia operaia , vale a dire  il controllo dei lavoratori sull'economia e sullo Stato, attraverso i consigli dei lavoratori, come sostenuto e messo in atto da Lenin nella Russia rivoluzionaria del 1917. Ma la sopravvivenza e la continuazione della rivoluzione cubana è soprattutto nel rovesciamento del capitalismo nei paesi dell'America Latina che stanno sperimentando processi rivoluzionari, preparando la strada per la pianificazione razionale e democratica dell'economia a vantaggio della maggioranza della popolazione. Non c'è, né ci può essere, il socialismo in un solo paese, come i marxisti hanno sempre spiegato e come è stato dimostrato con la restaurazione del capitalismo in URSS, nell'Europa orientale e anche in Cina e Vietnam, con conseguenze disastrose per le masse.

 La vittoria finale del socialismo può essere completata solo con l'espropriazione delle banche e delle grandi imprese nei paesi capitalisti avanzati, vale a dire con l'abolizione del regime della proprietà privata dei mezzi di produzione e la sua sostituzione con il controllo collettivo e democratico dell'economia da parte della classe operaia su scala mondiale. A tal fine è importante, anzi fondamentale, costruire una vera e propria internazionale anti-capitalista e socialista rivoluzionaria. Per salvare la Rivoluzione cubana e per approfondire e completare la rivoluzione venezuelana, la Tendenza Marxista Internazionale sostiene con tutte le sue forze l'appello del compagno Hugo Chavez per una Quinta Internazionale che ponga fine al capitalismo in tutto il pianeta.

Joomla SEF URLs by Artio