Breadcrumbs

Dall’8 all’11 novembre si è tenuta a Milano la Conferenza nazionale sulla famiglia organizzata dal governo. Tirato un sospiro di sollievo quando Berlusconi ha ritirato la sua presenza per l’imbarazzo dovuto alle ultime vicende personali con le escort di turno, tutti i partecipanti, da Napolitano col suo messaggio, ai ministri presenti, agli esponenti dell’intellighentia cattolica, si sono potuti scatenare in un’orgia oscurantista!

Il 26 maggio 2010 la giunta regionale del Lazio ha iniziato l’iter di discussione sulla proposta di legge dell’onorevole del Pdl Olimpia Tarzia, esponente del Movimento per la vita. Con questa proposta si vuole cancellare l’istituzione dei consultori, come strutture sanitarie pubbliche e laiche. Secondo questa proposta, infatti, i servizi consultoriali verranno affidati alle associazioni di famiglie che hanno come scopo la difesa della vita fin dal suo concepimento e il servizio pubblico, è testuale, andrà in subordine rispetto a queste associazioni private.

Le cronache degli ultimi mesi e settimane sono state disseminate di episodi di violenza contro donne: aggredite e violentate per la strada, picchiate a sangue dai mariti, uccise da ex fidanzati che non si rassegnano di essere stati rifiutati... episodi che, insieme al dramma di Sakineh Mohammadi Shtiani, la donna iraniana condannata alla lapidazione, hanno messo sotto i riflettori la faccia più cruenta di un’oppressione che le donne di tutti i paesi subiscono quotidianamente.

Abbiamo scoperto che parità e diritti sono categorie che non sempre vanno d’accordo.

L’Unione europea chiede alle lavoratrici del pubblico impiego di avere un trattamento pensionistico parificato a quello dei lavoratori. Le opposizioni nel Parlamento italiano insistono che è una richiesta giusta e che è colpa del governo Berlusconi se ha l’ha tradotta con un innalzamento dell’età pensionabile per le lavoratrici da 60 a 65 anni.

Arriva anche in Italia la Ru486, la pillola abortiva tanto demonizzata dalla Chiesa e da una Lega Nord sempre più arrogante che detta la linea politica del Governo anche su questo versante. Dobbiamo fare chiarezza su questo nuovo metodo abortivo e fugare ogni dubbio innescato da chi tutto d’un tratto si scopre paladino dei nostri corpi e della nostra salute, ma soprattutto di una legge, la 194, che in realtà mai come in questo momento è sotto attacco.

  La fiaccolata di venerdì 22 gennaio organizzata dalla Lega Nord e appoggiata dal PdL si è svolta al grido della consueta e demagogica parola d’ordine di “sicurezza”. Sicurezza, naturalmente, dalle orde di migranti che, secondo gli organizzatori, riverserebbero ondate di criminalità nel centro storico cittadino, in particolar modo a danno delle donne (la cui assenza spiccava tuttavia alla già poco partecipata fiaccolata…).

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video