Breadcrumbs

Malgrado l’incessante propaganda dei mass media, il divario tra ricchi e poveri cresce continuamente su scala globale. A differenza di quello che vorrebbero farci credere, ciò che abbiamo davanti agli occhi è un trasferimento di ricchezza dai paesi più poveri a quelli più ricchi ad una scala mai vista prima nella storia.

Il dissesto patrimoniale di Banca Carige ha destato nell'opinione pubblica cittadina notevole stupore ed apprensione soprattutto fra le Istituzioni pubbliche, fra le associazioni di categoria,e beninteso fra i dipendenti ed i clienti della Banca. L'istituto di credito in questione ha una tradizione molto antica nella Regione Liguria e soprattutto nella città di Genova.

La borghesia non è del tutto cieca. Ci sono settori della classe dirigente che possono, in certe occasioni, giungere a conclusioni simili a quelle dei marxisti. Il vantaggio di poter effettuare una visione “panoramica” sul capitalismo può permettere, almeno ad alcuni di essi, di avere una visione più ampia del sistema nel suo complesso, e quindio della corruzione, della diseguaglianza, della senescenza insita in esso.

“Il nome di una cosa è per sua natura del tutto esteriore. Se so che un uomo si chiama Jacopo, non so nulla sull’uomo. Così nei nomi di denaro, lira, sterlina, tallero, ducato, ecc. scompare ogni traccia del rapporto di valore”.
Karl Marx

Queste poche parole dal primo libro del Capitale potrebbero da sole aiutarci ad orientarci nell’affollato dibattito che attorno alla questione dell’euro vede la sinistra in un crescente stato confusionale.

Le analogie tra la crisi attuale e quella che iniziò a Wall Street nel 1929 e durò per tutti gli anni ’30, coinvolgendo il mondo industrializzato dell’epoca, sono un tema ricorrente. La crisi allora si trasformò in vera e propria depressione non tanto per il crollo dei valori in Borsa, ma per la stretta creditizia e la drastica caduta dell’interscambio mondiale, con l’escalation protezionista degli Stati.

Soltanto nei primi tre mesi del 2013 oltre un milione di lavoratori è stato in cassa integrazione; di questi, più di metà non ha mai messo piede nel posto di lavoro. I dati dell’Osservatorio della Cgil sulla Cig mettono in luce un aumento complessivo di oltre il 20% tra febbraio e marzo 2013, e di quasi il 12% sul primo trimestre 2012.

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video