Breadcrumbs

Come annunciato alcuni mesi fa abbiamo preso possesso della nuova sede, un locale sito in Milano con un a superficie di 400 metri quadri; disponiamo quindi ora di spazi adeguati per la macchina da stampa, una sala per assemblee e dibattiti, ampi locali come magazzino per nostre pubblicazioni numerosi uffici per ospitare i compagni che prestano il loro tempo a seguire l’enorme mole di lavoro politico necessario per portare le nostre posizioni su tutto il territorio nazionale.

La nuova sede è operativa

Vogliamo ringraziare calorosamente tutti i compagni che ci hanno permesso di fare questo grande passo in avanti sia in termini economici che pratici, aiutandoci a ristrutturalo e renderlo operativo. Compagni lavoratori e studenti che con tanta buona volontà, sacrificando tempo libero, fine settimana e il ponte del 2 giugno, ci hanno permesso di finire a tempo record i lavori e il trasloco necessari.

Contemporaneamente a questi lavori abbiamo comunque garantito l’uscita regolare del nostro giornale, il un nuovo libro Il socialismo dall’utopia alla scienza di Engels, ristampare il numero 2 della nostra rivista In difesa del marxismo (esaurito ormai da tempo) intitolato 1968-69 un biennio rivoluzionario.

Ma i nostri programmi editoriali non si fermano qui, stiamo preparando per l’autunno un nuovo numero della rivista teorica dedicata a Cuba. La profonda crisi che attraversa il capitalismo a livello internazionale e il processo rivoluzionario che sta attraversando l’America Latina (in particolare il Venezuela) stanno dando nuovo impulso anche nell’isola, richiedendo una rinnovata attenzione. A proposito della rivoluzione in America Latina vogliamo ricordare che è disponibile il libro pubblicato in autunno di Alan Woods “La rivoluzione venezuelana”.

Grazie alle campagna di raccolta fondi con cui ci avete aiutato in questi anni siamo riusciti a fare tante cose. Ma molte altre ne vogliamo fare. Per questo motivo, oltre a chiedere a tutti i nostri sostenitori un contributo eccezionale nonostante le mille difficoltà quotidiane per fare quadrare i bilanci familiari, stiamo organizzando feste di autofinanziamento dove siamo presenti. L’obbiettivo entro l’estate è di 12mila euro. Ci auguriamo che le iniziative previste per le prossime settimane diano gli stessi risultati di quelle già tenute a Milano, Pavia e Crema, dove abbiamo raccolto mille euro.

Chiudiamo facendo nostro l’appello dei compagni del circolo di Rifondazione comunista Resistencia di Licata (AG).

I compagni di Licata sono stati in questi anni, oltre che i principali organizzatori delle varie campagne elettorali del partito, in prima fila nelle principali vertenze locali e hanno organizzato il campeggio nazionale antirazzista a Licata la scorsa estate. Crediamo sia un esempio di come il partito e i giovani comunisti dovrebbero agire per radicarsi nel territorio. Nonostante questa mole di attività i compagni si sono visti negare dalle strutture superiori i rimborsi dovuti per queste attività. Tutto ciò ci pare incredibilmente ingiusto e mina seriamente una risorsa del partito. Facciamo appello a tutti i lettori a sostenere questa campagna attraverso la quale i compagni di Licata lavorano per riaprire la sede del circolo. Sul nostro sito è possibile scaricare l’appello dei compagni di Licata e trovare gli estremi per inviare contributi.

11-07-2006


Joomla SEF URLs by Artio