Breadcrumbs

A quasi tre anni dal referendum di Pomigliano, Marchionne rielabora la propria strategia rispetto allo stabilimento campano. Dopo l’abbandono di Fabbrica Italia, dei 20 miliardi di investimenti promessi e non realizzati, ora si dice addio alla stessa Fip (Fabbrica Italia Pomigliano), la newco nata per far fronte all’esito referendario.

 

Sul muro che costeggia l’ingresso merci della Fiat di Pomigliano c’è una scritta che risale alla marcia in favore del SI al referendum, che dice Si al futuro. Qualche metro più in là il nostro striscione, Panda: 800 famiglie senza futuro. Come già scritto in un precedente articolo, la lotta dei lavoratori della ex-Ergom, è partita a febbraio sulla spinta di un gruppo di lavoratori e da allora non si è più fermata.

Stamane è ripresa la mobilitazione a Pomigliano d'Arco.  I cassintegrati FIAT dello stabilimento napoletano hanno deciso di sfilare in corteo per le vie della città di Pomigliano per raggiungere il comune cittadino -  reo di aver appoggiato il piano Fabbrica Italia ed il "referendum" proposto da Marchionne - per poi proseguire la mobilitazione sotto la sede della UILM e  successivamente organizzando un blocco stradale.

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video