Breadcrumbs

Continuano le cerimonie per i 150 anni dell’Unità d’Italia e continua la demagogia, che nasconde le atrocità commesse dall’esercito piemontese durante l’occupazione del Sud Italia per reprimere le crescenti rivolte contadine, anche nel periodo post-unitario.

Nell’oblio continua a vivere anche la storia di resistenza che tanti, intenzionati ad opporsi alle vessazioni dell’ennesimo padrone, continuarono a portare avanti sulle montagne del centro-sud italia e che la storiografia ufficiale ha tacciato con il termine dispregiativo di “brigantaggio”.
Pochi intellettuali ed artisti si sono opposti negli anni alla ricostruzione ufficiale, restituendo ai martiri del brigantaggio la dignità della loro lotta. Tra queste avanguardie di resistenza storica troviamo lo sceneggiato televisivo L’eredità della priora di Anton Giulio Majano e la relativa colonna sonora, composta da Eugenio Bennato e Carlo D’Angiò. La canzone più importante è Brigante se more che riportiamo interamente:

Ammo pusato chitarra e tambure/ pecché sta musica s’adda cagna’/ simmo brigante e facimmo paura/ e cu a scuppetta vulimmo canta’/
E mo cantammo sta nova canzone/ tutta la gente se l’adda ‘mpara’/
nun ce ne fotte d’o Rre Burbone/
ma a terra è a nostra
e nun s’adda tucca’/
Tutte e paise d’a Basilicata/
se so’ scetate e vonno lutta’/
pure a Calabria mo s’è arrevutata/
e stu nemico ‘o facimmo tremma’/ Chi ha visto o lupo e s’e miso paura/ nun sape buono qual è a verità/
o vero lupo ca magna e criature/ è o piemontese c’avimma caccia’/ Femmene belle ca date lu core/
si lu brigante vulite salva’/
nun ’o cercate, scurdate o nomme/ chi ce fa guerra nun tene pietà/
Ommo se nasce brigante se more/ ma fino all’ultimo avimma spara’/
e si murimmo menàte nu fiore
e na bestemmia pe sta libertà.


La capacità di Bennato e D’Angiò di esprimere appieno la passione che spingeva i briganti a combattere l’occupante piemontese, unita allo studio attento della musicalità e del linguaggio popolari, ha fatto sì che questa canzone arrivasse a confondersi tra il repertorio della musica popolare, tanto che molti hanno creduto che fosse stata composta e cantata veramente dai briganti nell’800. Nell’intricato universo che ha portato questa canzone a diffondersi fuori dai canali commerciali, diventando colonna sonora di più di una generazione di attivisti e giovani, c’è anche chi ha cercato di smussare il potenziale esplosivo di questi versi, diffondendo una versione malamente modificata e spacciata per “l’originale” ottocentesca. Nella versione modificata il verso “nun ce ne fotte d’o Rre Burbone” diviene “nuje cumbattimmo p’o Rre Burbone” riducendo la resistenza dei contadini ad una guerra tra famiglie reali (Savoia vs Borbone). Se nell’ottocento i borbonici cercarono di cavalcare i moti insurrezionali con un’azione politico-diplomatica, i neo-monarchici dei giorni nostri cercano di farlo con una semplice azione di mistificazione storica e letteraria.
L’altra modifica apportata dalla versione storpiata riguarda la sostituzione, nell’ultimo verso, del termine “bestemmia” con “preghiera”, in un impeto di bigottismo clericale. L’imprecazione rivolta ad una “libertà” falsa, imposta dall’occupante piemontese, è sostituita dalla richiesta al divino di un po’ di libertà. Libertà, quindi, da elemosinare e non la vera libertà da conquistare con la lotta.
Lo scimmiottamento degli incauti manipolatori-conservatori ridicolizza l’opera non solo dal punto di vista politico, ma anche da quello semantico ed espressivo, castrando spontaneismo, impulsività e irriverenza tipiche del linguaggio popolare. Ma si sa, non sono certo senso estetico e passione artistica a muovere queste rivisitazioni, quanto la paura. Paura che i popoli possano riprendersi parola.


 

Joomla SEF URLs by Artio