Breadcrumbs

Nel febbraio scorso cadeva il trentesimo anniversario della rivoluzione iraniana. I mezzi di comunicazione di tutto il mondo hanno dato grande risalto al ruolo di Khomeini e del clero islamico durante la rivoluzione: raccontata così sembrerebbe proprio che durante i tumultuosi eventi del febbraio 1979 la classe operaia iraniana abbia giocato un ruolo quasi marginale.

Un torto a uno è un torto fatto a tutti!
 
La campagna dell’IWSN

I recenti arresti di attivisti del movimento operaio e del movimento per i diritti dei Curdi hanno ancora una volta attirato l’attenzione sul fatto che il regime iraniano è deciso a ristabilire i vecchi rapporti di forza – quando aveva sempre il coltello dalla parte del manico nelle trattative con i lavoratori e gli attivisti del movimento operaio, le donne, le minoranze nazionali, i giornalisti, gli insegnanti e la larga maggioranza dei lavoratori iraniani.

 Per le masse sofferenze senza precedenti

Negli ultimi cinque mesi in cui il nuovo governo di coalizione guidato dal PPP è stato in carica i lavoratori e le masse già impoverite hanno attraversato sofferenze sociali ed economiche mai viste nella travagliata storia del Pakistan. I prezzi del cibo sono aumentati di oltre il 200%, mentre la benzina che era a 47 Rupie al litro sotto l’ultimo governo ora,  da quando i rappresentanti del PPP sono saliti al potere, è a 87 rupie al litro. Dopo gli aumenti relativamente contenuti nelle tariffe dell’elettricità ieri il governo ha annunciato un aumento dei prezzi del 31%.

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video