Egitto: esplodono gli scioperi - Falcemartello

Breadcrumbs

Nonostante gli appelli da parte del Consiglio dell’Esercito per far terminare gli scioperi, i lavoratori egiziani, incoraggiati dalla rivoluzione, continuano a sviluppare scioperi di massa per risolvere i loro problemi ormai annosi. Pubblichiamo due rapporti che abbiamo ricevuto sul crescente movimento della classe operaia egiziana.

 

da www.marxist.com

Uno riguarda i lavoratori della fabbrica più grande del paese, la fabbrica tessile MSW di Mahalla al-Kubra, con 24.000 lavoratori, che anche oggi sono in sciopero per una serie di rivendicazioni economiche, sociali e politiche. A loro si sono aggiunti 6.000 lavoratori tessili della fabbrica Damietta (filatura e tessitura), anche loro in sciopero per ottenere la rimozione del consiglio di amministrazione. Gli scioperi continuano anche in altri settori, il che ha costretto il Consiglio dell’Esercito al potere ad estendere fino alla fine della settimana il periodo di festività dichiarato giovedì. Alcuni capitalisti non sono felici di ciò che percepiscono come un atteggiamento poco duro da parte dell’esercito nei confronti degli scioperi. “L’esercito deve usare la mano più dura con il popolo”, ha dichiarato Hanfy, un rappresentante dell’Associazione dell’industria metalmeccanica. “Molti di loro non hanno problemi, ma colgono l’occasione offerta dalla situazione politica”. L’altra corrispondenza che pubblichiamo è dei lavoratori del petrolio della Petrotrade, che sono tornati a lavoro dopo aver vinto, anche se chiariscono che vigilano con attenzione il rispetto degli accordi. Vittorie come questa, incoraggeranno le lotte di altri settori della classe operaia.

---

La rivolta di MSW a Mahalla al-Kubra

Più di 20.000 lavoratori provenienti dalla MSW, società di Mahalla, hanno iniziato uno sciopero a tempo indeterminato. Lo sciopero è partito dai lavoratori del primo turno e vi hanno poi aderito i lavoratori del secondo turno. I lavoratori chiedevano la destituzione del direttore generale Fouad Abdel Alim Hassan, e del presidente della società, Mohsin al-Gilani, che sono accusati di essere responsabili del deficit creatosi nella compagnia, più di 270 milioni di lire egiziane [circa 34 milioni di euro - ndt], negli ultimi due anni. I lavoratori inoltre, hanno chiesto le dimissioni di Ibrahim Haniyeh, capo degli affari legali e di Rida Sayem, responsabile della sicurezza della società.

I lavoratori hanno anche chiesto l’istituzione di un consiglio temporaneo per gestire l’impresa fino alle elezioni del consiglio successivo, la costituzione di un sindacato e il pieno sostegno dell’esercito ai lavoratori. Inoltre hanno chiesto di avere una migliore formazione e la creazione di nuovi uffici come il marketing e lo sviluppo, che i figli dei lavoratori possano godere di visite mediche gratuite e anche possibilità di lavoro in azienda e che le donne che sono qualificate abbiano il diritto di occupare posizioni dirigenziali. Un’altra rivendicazione è l’aumento del bonus mensile del 300%, a secondo del tipo di lavoro svolto e delle condizioni personali del dipendente.

I lavoratori inoltre, richiedono che i datori di lavoro rispettino la sentenza della Corte costituzionale, che ha stabilito che il salario minimo è di 1200 lire egiziane [circa 150 euro] e piena parità di stipendio tra i generi. Oltre a questo hanno chiesto una liquidazione di 100 lire egiziane al mese, come succede in tutte le altre società, e un fondo di solidarietà che eroghi questo denaro immediatamente dopo la fine del servizio. Infine, hanno chiesto la reintegrazione dei leaders operai licenziati o rimossi nel corso degli ultimi anni.

---


Abbiamo vinto!

Complimenti a tutti, abbiamo raggiunto tutti i nostri obiettivi e tutto l’onore va a coloro che hanno sacrificato così tanto per vincere. Difendere ostinatamente i nostri diritti ci ha portato a vedere soddisfatte tutte le nostre richieste.

Se qualcuno cerca di prenderci in giro se ne pentirà. È necessario ora difendere le conquiste della rivoluzione, utilizzando il nostro esempio, costituendo sindacati autonomi che rappresentano le esigenze e le aspirazioni di tutti i lavoratori.

Oggi sappiamo qual è la strada. Se ci metteranno troppo a soddisfare le nostre richieste, ripartirà la rivolta e annunceremo uno sciopero generale nazionale di tutti i lavoratori e una dimostrazione di fronte al ministero del petrolio.

Tra le buone notizie, abbiamo consegnato una relazione al Procuratore generale con documenti che sottolineano la corruzione nella azienda. Invitiamo tutti coloro che possono documentare tale corruzione a fornire subito i documenti a noi o agli organi dell’amministrazione in modo che possiamo utilizzarli al processo.

E dopo l’ottenimento delle nostre richieste, abbiamo deciso di festeggiare con una grande festa, nella zona di Tanta. Faremo lì una grande festa mangiandoci un vitello.

Invito tutti i colleghi licenziati a tornare allo stabilimento e rioccupare subito le loro posizioni. Se avete qualsiasi problema potete contattarci e faremo tutto il possibile per affrontare i problemi.

Congratulazioni
Le conquiste verranno riconosciute con effetto retroattivo.

In lotta per una libera Petrotrade

 

Leggi anche: