Breadcrumbs

maidan febIn questi ultimi giorni lo spettro di una divisione dell'Ucraina, dopo la caduta di Yanukovich, si staglia minaccioso sui paesi dell'ex Unione sovietica e su tutto il continente. Ma perchè si è arrivati a questo punto? E quale alternativa propongono i marxisti? Alan Woods in questo articolo delinea la nostra analisi e le nostre prospettive.

 ---

 

I drammatici eventi in Ucraina hanno portato alla caduta di Janukovich. Questa non è la soluzione del dramma ma solo la possibile conclusione del suo secondo atto. Nel momento della verità , nessuno era disposto a rischiare la vita per difendere un regime così completamente marcio che è bastata una spinta energica a farlo crollare. Il potere è caduto nelle mani dell'opposizione come una mela troppo matura cade da un albero, ma la questione è: cosa se ne farà?

Tra scene di gioia selvaggia, il Parlamento ha votato la rimozione del presidente Janukovich e ha indetto nuove elezioni presidenziali per il prossimo 25 maggio. Ma il popolo ucraino ha già visto tutto questo, è un brutto film già visto una volta, che non si ha voglia di rivedere da capo. Come nel 2004-2005, è stato abbattuto un regime corrotto e proprio  come allora tutti parlano con entusiasmo di una nuova alba per l'Ucraina, di libertà, giustizia e democrazia: "Abbiamo vinto !" è sulla bocca di tutti. Ma chi ha vinto, esattamente? Oggi questo è il problema, proprio come lo era allora.
La storia degli ultimi vent’anni dimostra che il crollo dell'Unione Sovietica e la creazione di una "indipendenza nazionale" su basi capitaliste non hanno risolto nulla per il popolo ucraino: anzi, i due decenni di questa indipendenza formale hanno sprofondato un paese potenzialmente ricco e prospero in un abisso di sofferenze e nel collasso economico.
Dietro la menzogna demagogica di questa “indipendenza” si cela il potere di un’oligarchia criminale, degenerata e reazionaria, un regime mafioso corrotto e repressivo anche peggiore di quello che opprime la classe operaia russa. E questa caduta in disgrazia è ancora più amara per gli ucraini, che conservano la memoria di un passato antico e glorioso.


Cenni di storia dell'Ucraina


La storia dell'Ucraina si può dire plasmata dalla geografia. Con una superficie di 603.628 chilometri quadrati è il più grande paese europeo, e tuttavia è incastrata tra Oriente e Occidente: la potente Federazione russa ad est e nord-est, la Bielorussia a nord-ovest, Polonia  Slovacchia e Ungheria a ovest, Romania e Moldavia a sud-ovest, il Mar Nero e il Mar d'Azov rispettivamente a sud e sud-est. La stessa parola “Ucraina” significa “terra di confine” .
La lingua ucraina fa parte dello slavo orientale, che comprende anche bielorusso e russo. La coscienza nazionale ucraina è stata condizionata dalla consapevolezza di una storia lunga e ricca: nel medioevo, quando Mosca era un villaggio insignificante, Kiev era un grande centro commerciale e culturale, il centro riconosciuto della cultura slava orientale e la capitale storica dell'antica Rus’, fiorente di vita culturale, arte, letteratura, poesia e musica. Ma questo promettente inizio fu cancellato dalle invasioni mongole, da cui l’Ucraina non si riprese mai completamente.
Il centro di gravità del mondo slavo orientale si spostò in  Moscovia.  All’inizio dell’età moderna in Ucraina  fiorì, per circa un secolo, una repubblica cosacca, ma il paese restò diviso tra la Russia e la Polonia. Divenne una sorta di stato cuscinetto dipendente dal grande fratello settentrionale, che lo definiva con disprezzo "Piccola Russia". Il XIX secolo vide l'inizio di un una rinascita culturale ucraina con scrittori come Taras Ševčenko e Pantelemon Kuliš. Un'Ucraina indipendente fu brevemente proclamata nel 1918, in seguito alla Rivoluzione d'Ottobre, ma in pratica si trattava solo di una maschera per l’ingerenza tedesca: questo è sempre stato il caso dell'Ucraina, dove l’"indipendenza" si è infine sempre rivelata una mera foglia di fico per una forma o l’altra di ingerenza straniera, ed è del resto quanto sta accadendo anche oggi.
Dopo una breve guerra civile in cui l'Armata Rossa sconfisse i Bianchi e i loro alleati nazionalisti, l'Ucraina fu incorporata nell’Unione Sovietica come repubblica autonoma. Lenin aveva sempre insistito sulla necessità di trattare tutte le nazionalità con rispetto e messo in guardia dall'offenderne la suscettibilità ed i sentimenti nazionali, ma Stalin e la burocrazia grande-russa calpestarono l’Ucraina come fecero con le altre nazionalità.
I contadini ucraini patirono una catastrofe in seguito alla collettivizzazione forzata, quando milioni di persone morirono di fame ed altri milioni furono esiliate in Siberia e in altre regioni remote, da cui molti non tornarono mai. Negli anni ‘30, durante le sanguinose purghe staliniane, il Partito Comunista ucraino fu decimato, insieme a molti intellettuali ucraini di spicco accusati di "nazionalismo borghese". Tutti questi crimini dello stalinismo distrussero la politica internazionalista di Lenin sulla questione nazionale, minarono il senso di solidarietà tra i popoli sovietici e fatalmente indebolirono l'URSS di fronte all'aggressione di Hitler.Durante la seconda guerra mondiale il popolo ucraino sofferse un nuovo e ancora più terribile incubo sotto l'occupazione tedesca.


L’oligarchia al potere


In URSS l'Ucraina era sotto il controllo della burocrazia centrale di Mosca, ma (come in ogni altra Repubblica) esisteva una burocrazia ucraina nazionalista, formata ad immagine del proprio Grande Fratello di Mosca. Quando il crollo del sistema burocratico stalinista ha portato alla rapida dissoluzione dell'URSS nelle sue componenti nazionali, questi burocrati avidi e corrotti hanno approfittato del caos imperante e, sotto le bandiere di una fittizia "indipendenza nazionale", hanno saccheggiato a proprio vantaggio l'economia nazionalizzata, trasformandosi in capitalisti privati.
​​Questi oligarchi hanno beneficiato della corruzione e del caos politico degli ultimi due decenni. Un pugno di ricchi capitalisti senza scrupoli gode di oscene fortune derivate dalle proprietà rubate al popolo attraverso la privatizzazione. Circa mezza dozzina di oligarchi si condividono questa favolosa ricchezza a seguito del crollo dell'Unione Sovietica .
Rinat Akhmetov possiede una fortuna stimata in 15,4 miliardi di dollari  (47° nella lista dei miliardari di Forbes). L’uomo più ricco dell'Ucraina, Akhmetov è il più potente degli oligarchi: è il proprietario della squadra di calcio dello Shakhtar Donetsk ed è il principale capitalista nel settore minerario nel Donbass, nella parte orientale dell'Ucraina, da cui proviene Yanukovich. Nel 2011 ha pagato 136 milioni di sterline per un attico a One Hyde Park a Londra, la proprietà più costosa mai acquistata in Gran Bretagna.E' stato a lungo considerato il vero potere alle spalle del presidente, ed è stato determinante nel garantire il potere di  Yanukovich.
Anche Viktor Pinčuk ha costruito un’enorme fortuna mentre il suocero, Leonid Kučma, era presidente. Il figlio di Janukovich, Oleksandr, un dentista, negli ultimi tre anni ha ha accumulato un’enorme ricchezza (che richiederebbe l'estrazione di un numero incredibile di denti!) Sergej Kurčenko, uno sconosciuto ventottenne, appare improvvisamente in possesso di capitali per circa 800 milioni di dollari, ma nessuno sa da dove provengano.
Questi, e altri come loro, sono i veri padroni dell’Ucraina: controllano i membri del parlamento e i partiti, possiedono stazioni televisive e radio, ed hanno in tasca i leader politici. Questi uomini e le loro famiglie vivono nel lusso - quasi su un altro pianeta rispetto ai propri connazionali - mentre all’altro estremo milioni di persone vivono in totale povertà, molti al limite della miseria, altri costretti ad emigrare. Ecco il bilancio di due decenni di "indipendenza" borghese in Ucraina.
Così vanno le cose in Ucraina al giorno d'oggi: chi sta in cima ha il grugno ben affondato nel trogolo, mentre chi sta sotto affonda sempre più in basso. Ciò ha dato luogo a un ribollire di malcontento, rabbia e frustrazione tra ampi strati della popolazione. Nove anni fa questo si espresse nella “Rivoluzione arancione”  [Vedi I marxisti e lo scontro politico in Ucraina, di Fred Weston, 24 novembre 2004] e le proteste di massa durarono per due mesi. Viktor Janukovich era presidente anche allora: fu sconfitto dal filo-occidentale Viktor Juščenko e dall’allora alleata di questi, Julija  Tymošenko . Ma si è trattato solo del trasferimento del potere politico da una fazione dell'oligarchia ad un'altra:  nulla è cambiato tranne le facce degli sfruttatori.
Sulla base di una massiccia disillusione Janukovich si è preso la sua rivincita ed è stato rieletto presidente nel 2010. La sfortunata  Tymošenko  è finita dietro le sbarre, accusata di "abuso di potere" (e chi di costoro non ne ha abusato?). Ancora una volta, nulla è cambiato: gli ucraini sono tornati in piazza, un altro governo è caduto, e se qualcosa è quambiato,  non è necessariamente per il meglio.


Il crollo dell'economia


La scintilla che ha innescato l'ultima ondata di manifestazioni di massa è stata la decisione del governo Janukovich di non firmare un accordo di partenariato con l'Unione europea in seguito a pressioni dalla Russia. Ma le radici del malcontento sono ben più profonde.
Nell’ultimo periodo la crisi economica cronica dell'Ucraina si è assunto i connotati di una caduta libera di dimensioni terrificanti. La moneta nazionale, la grivna, è precipitata al più basso livello di cambio ufficiale nei confronti del dollaro sin dalla sua introduzione, quasi 18 anni fa. Dopo disperati tentativi per mantenerla stabile con interventi sui mercati valutari, la  Banca Centrale ucraina è stata alla fine costretta a tagliare il tasso di cambio e ad imporre controlli sui capitali tra cui un limite sui trasferimenti privati ​​all'estero e il divieto di acquisto di valuta estera per gli investimenti all'estero.
Questo tentativo di puntellare la grivna è stato rovinoso per le riserve del paese: secondo i dati ufficiali, nel solo gennaio la Banca Centrale ha speso 1,7 miliardi di dollari per  puntellare il tasso di cambio, lasciando le  riserve monetarie attuali a soli 17, 8 miliardi di dollari, meno di quanto occorra all’Ucraina per coprire due mesi di importazioni. Intanto gli investitori stranieri se ne vanno.
I funzionari ucraini incolpano della svalutazione del 10 % le proteste di massa in atto dallo scorso  novembre. Ma la caduta della grivna è una naturale conseguenza di anni di declino economico, corruzione, imbrogli e caos, e le cui conseguenze sono ristagno dei mercati, deficit, 18 mesi di recessione e crescita del debito estero. L'economia ucraina soffre di una fatale combinazione di tutte le peggiori caratteristiche del vecchio Stato burocratico e di un  capitalismo da pescecani. Il popolo ucraino vive letteralmente nel peggiore dei mondi possibili.
Un gran numero di persone è stato costretto a lasciare l'Ucraina (soprattutto dalla parte più rurale, quella occidentale, del paese) in cerca di lavoro e denaro per mantenere la propria famiglia. Secondo la Banca Mondiale, l'Ucraina è tra i primi 10 destinatari delle rimesse dall'estero, con operazioni per 9,3 miliardi di dollari nel 2013. Si stima che il numero totale di ucraini che lavorano all'estero sia di circa cinque milioni. Nel 2012 hanno mandato a casa 7,5 miliardi di dollari (4 % del PIL ucraino) attraverso bonifici bancari
.L'oligarchia continua a saccheggiare la popolazione, soprattutto attraverso il controllo sulle banche che impongono tassi di interesse esorbitanti. “In Polonia si può ottenere un prestito al 7 % , in Germania al 3% ", dice Zenoviy Berms, un uomo d’affari di L’viv "ma in Ucraina un prestito bancario  vi costerà il 25-30 %."  Mentre gli oligarchi lottano per la spartizione del bottino, le piccole aziende vanno in rovina: secondo l’Ufficio Statale di Statistica, tra il 2010 e il 2012 il numero di piccole imprese si è ridotto di 600.000 unità.
Molti lavoratori autonomi, professionisti e piccoli imprenditori si sono uniti alle proteste per le strade della capitale e in altre città: sono sempre più disperati e stanchi della massiccia corruzione e della pressione sulla loro attività esercitata da tasse, imposte doganali e ispettori governativi a caccia di tangenti. La classe media (soprattutto all’ovest, tradizionalmente nazionalista e di lingua ucraina) può facilmente cadere preda della  destra e della demagogia nazionalista.

 

L' UE e l'Ucraina


Come un uomo che affoga che si aggrappa a un filo di paglia, qualcuno in Ucraina ha visto l'accordo di partenariato con la UE come un modo per uscire dalla crisi: la situazione dell'economia ucraina è così disperata che molti si illudono che legami più stretti con l'UE significhino la possibilità di godere di un tenore di vita simile a quello che hanno visto in Germania. Questa naturalmente è una illusione bell’e buona, ed ogni cittadino della Grecia o della Spagna potrebbe spiegarglielo benissimo: ma in una situazione disperata si vive di illusioni, dato che non c'è altro a cui aggrapparsi.
L'offerta di un accordo commerciale da parte dell'UE è diventata popolare in Ucraina occidentale, perché prometteva di allentare le restrizioni sull'immigrazione. Per ovvie ragioni gode di un  sostegno di massa tra i lavoratori migranti che lavorano in Germania e nella parte occidentale del paese, che lavorano nell'UE. In realtà, si trattava di una cinica manovra per attirare l'Ucraina lontano dall'orbita russa e verso la sfera di influenza della UE e degli USA.
Inizialmente, sembrava che Janukovich fosse pronto ad accettare l'offerta, ma poi ha improvvisamente cambiato opinione: i padroni dell'industria pesante  dell'Ucraina orientale, che hanno nella Russia l'unico mercato per i loro prodotti, si sono lamentati che il prezzo per l'integrazione europea era troppo alto. I padroni dell'industria di maggior successo, quella siderurgica, che esportano nell'UE e in Asia, sono rimasti in silenzio: questo ha rappresentato una spaccatura all'interno della oligarchia, e una telefonata dal Cremlino è probabilmente bastata a far cambiare idea a Janukovich.
Non è difficile capire questo voltafaccia. L'Ucraina ha debiti enormi e in crescita, e la domanda è, come sempre: chi paga? I governi occidentali sono riluttanti ad essere coinvolti in una sorta di asta con i russi sugli aiuti all'Ucraina. La Merkel ha grandi ambizioni, ma la sua ambizione è temperata da una meticolosa parsimonia: dopo aver dissanguato il popolo greco si è guadagnata la reputazione di campione della più stretta austerità d'acciaio, e non intende certo farsi vedere mentre “sperpera” grandi quantità di denaro dei contribuenti in aiuti a Janukovich.
Del resto, l''offerta dell'UE era estremamente avara. Fino ad ora , il pacchetto europeo  proposto è  inferiore al miliardo di dollari, quasi un insulto: Janukovich è un uomo d'onore e come tale è disposto a vendersi soltanto ad un prezzo molto alto. E di fronte ad un'offerta tanto insufficiente,  il suo vecchio amico Vladimir brandiva una carota molto succosa – insieme ad un pesante bastone:  15 miliardi di dollari per l'accettazione della proposta russa, e il taglio delle forniture di gas e petrolio in caso contrario. Davvero una decisione rapida per il presidente ucraino assediato.
Ma il rifiuto del governo di firmare l'accordo di associazione UE-Ucraina è stato uno shock, la  scintilla d'innesco di un'ondata di proteste che ha scosso il regime dalle fondamenta.

 

 Che tipo di proteste?

 

È il compito dei marxisti quello di analizzare la natura di un movimento, per determinare la sua natura di classe, per svelare quali interessi stanno dietro gli slogan, e per separare ciò che è progressista da ciò che è reazionario. Non tutti i movimenti di massa sono rivoluzionari o progressisti nel loro carattere. E anche quando le persone riescano tramite mezzi rivoluzionari a rovesciare un regime tirannico e oppressivo non è scritto da nessuna parte che quello che lo sostituirà sarà migliore . I risultati delle azioni di uomini e donne possono essere molto diversi da quelle che erano le loro intenzioni iniziali.

Nel novembre 2013 i manifestanti sono scesi in piazza per cercare di costringere il presidente a rivedere la sue decisioni. Inizialmente le proteste, che erano pacifiche, sono state considerate da molti cittadini ucraini con simpatia. La stragrande maggioranza delle persone in Ucraina sono molto arrabbiate per lo stato pietoso in cui un paese potenzialmente ricco è stato ridotto dai suoi governanti. L'odio nei confronti degli oligarchi corrotti non è meno forte nella parte orientale del paese di quanto non sia in Occidente . Le masse maledicono in maniera simile, in russo o in ucraino, i ricchi parassiti che sottraggono le ricchezze del paese e le custodiscono in banche straniere, mentre vivono una vita da playboy in costose case a Londra.

Una massa di persone è scesa per le strade di Kiev. Questa volta la gente non ha aspettato l'amministrazione comunale ad aprire le porte di spontanea volontà . Hanno preso d'assalto l'edificio , rotto alcune finestre e occuparono il piano terra . Apparentemente in preda al panico, Janukovich è ricorso alla repressione. Ma questa è stato malgestita: la polizia antisommossa ha usato i manganelli in maniera indiscriminata  e diverse persone sono state oggetto di pestaggi selvaggi . Almeno cinque persone sono state uccise. Ma lungi dal intimidire i manifestanti, questa brutale dimostrazione di violenza li ha fatti semplicemente infuriare ancor di più.

Il presidente ha alternato repressione a concessioni. Ma le concessioni erano troppo poche per soddisfare i manifestanti e la repressione era troppo debole per metterli a tacere . Nel giro di poche settimane le proteste hanno sconvolto l'Ucraina e si sono tramutate in un attacco frontale contro Janukovich , con i manifestanti che hanno chiesto le dimissioni del presidente e del gruppo intorno a lui. La sollevazione è proseguita per tutto dicembre e gennaio, crescendo di dimensioni e assumendo un carattere sempre più violento. Gli edifici governativi in tutto il paese sono stati occupati .

Sembrerebbe che il numero reale dei presenti in Piazza Maidan sia oscillato tra 2.000 e 20.000 persone. Le " truppe d'assalto " sono state reclutate tra le fila dei tifosi di calcio della Dynamo Kiev. La maggior parte degli abitanti di Kiev continuavano a mantenere la loro routine quotidiana. Gli osservatori stranieri hanno notato che solo un numero relativamente piccolo di attivisti sono stati coinvolti negli scontri, e che la " vita normale " continuava  nel resto della capitale . Tuttavia, questa cifra non fornisce una vera idea della portata dell'opposizione potenziale. Le sue principali riserve si trovano tra gli abitanti dell'Ucraina occidentale.

Il cosiddetto movimento Euromaidan a Kiev ha avuto il sostegno della classe media: non solo gli intellettuali, ma la piccola borghesia tradizionale. La sua principale base sociale sono i piccoli e medi imprenditori in rovina ( molto numerosi in Ucraina ) e anche il sottoproletariato - gli strati declassati che vivono ai margini della società: i mendicanti, ladri e altri elementi demoralizzati sempre pronti alla rivolta , al saccheggio e alla devastazione . Sono l'esercito di rivoltosi che appaiono sempre in ogni movimento di massa considerevole, e cercano di spingerlo sempre oltre i suoi limiti. Ma la classe operaia è rimasta in gran parte passiva .

Nonostante diversi scontri con la polizia , che ha lasciato decine di feriti , l'ambiente generale fra i  manifestanti all’inizio era piuttosto tranquillo.

Tra gli organizzatori, alcuni sono dei partiti legali posizionati alla destra dello spettro politico, come ad esempio Udar (acronimo che significa anche “pugno”) di Vitali Klitschko , ex campione dei pesi massimi di boxe che vive in Germania da anni. Questo partito di centro-destra, che è presente in parlamento (la Rada) è  stato creato a Berlino intorno all'idea dell'integrazione europea. Klitschko stesso è un burattino della Merkel e segue pedissequamente i dettami dei suoi capi a Berlino.

Poi c'è Batykivshchina ("Patria" in lingua ucraina) . Questo è il partito di Yulia Tymoshenko, che, insieme a Viktor Yushchenko , ha svolto un ruolo di primo piano nella "rivoluzione arancione" del 2004, ma che era in carcere fino a che non è stata rilasciata alcuni giorni fa . L'Unione europea chiedeva il suo rilascio come parte della trattativa con Yanukovych, ma tale provvedimento non è mai stato eseguito. Il suo posto a capo del partito è stato preso da Arseniy Yatsenyuk .

All’occidente Yatsenyuk piace molto. Parla inglese molto bene ed è pronto a ripetere tutte le frasi che sono gradite alle orecchie occidentali . La famigerata conversazione telefonica tra il vice Segretario di Stato Victoria Nuland e l'ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina Geoffrey Pyatt suggerisce che il leader di Batkivshchyna sia davvero l'uomo su cui sta scommettendo Washington, mentre il meno esperto Klitshko sembra essere il favorito della Merkel ...

Nessuno di questi partiti di opposizione moderati sembra tuttavia godere della piena fiducia dei manifestanti.

 

Il fascismo in Ucraina

 

Questi sono i volti "rispettabili" dell'opposizione ucraina, quelli che sono favoriti da Washington e Berlino . Ma dietro i partiti di destra “rispettabili” forze ben più sinistre sono in agguato. Il partito guidato da Oleg Tyagnybok, denominato comicamente Svoboda ("Libertà"), è un partito di ultradestra neo-nazista che cerca di presentarsi come una versione "moderata" del fascismo, a differenza dei fascisti "estremi" e di altri elementi apertamente nazisti, che sono presenti anche in numero significativo . Tra questi ultimi c'è il "Pravij sektor" ( Settore di destra - UNA- UNSO ), guidato da Dmitry Jaros .

La presenza tra i manifestanti di estremisti nazionalisti era evidente: i partiti di destra, nazionalisti e apertamente fascisti mostravano in grande evidenza insegne naziste risalenti agli anni della guerra. La BBC News ha riferito: "Sulle strade di Kiev , i giovani di estrema destra in passamontagna nero addestrano i volontari alla resistenza alle forze di polizia antisommossa, e organizzano i turni di guardia sulle barricate di Piazza Maidan" . I gruppi nazisti sono spuntati come funghi velenosi dopo un temporale: “Patrioti dell'Ucraina", il "White Hammer " e "Trident" , un movimento che segue le idee del  fascista ucraino Stepan Bandera, famoso all'epoca della Seconda guerra mondiale.

Questi sono gli estremisti nazisti il cui odio per la Russia raggiunge il punto di sostenere la guerra con la Russia come elemento chiave della loro ideologia . Quando Hitler attaccò l'Unione Sovietica nel 1941 una piccola minoranza di ucraini collaborarono con i nazisti, in particolare, il movimento nazionalista ucraino di cui sopra guidato da Stepan Bandera. Cercava di ottenere il sostegno tedesco per l'indipendenza dell'Ucraina. La natura apertamente fascista e razzista del suo programma è  molto chiara ed esplicita . Nella sottosezione denominata "Politica di Minoranza" del programma dell'organizzazione di Bandera , l'Organizzazione dei nazionalisti ucraini, si legge quanto segue :

"I moskali (russi) , i polacchi , gli ebrei sono ostili a noi e devono essere sterminati in questa battaglia, in particolare quelli che opporranno resistenza al nostro regime: deportarli nelle loro terre, importante distruggere fisicamente i loro intellettuali che possono essere nelle posizioni di potere . .. gli ebrei devono essere isolati, rimossi dalle posizioni governative al fine di prevenire atti di sabotaggio, coloro che sono ritenuti necessari possono lavorare solo con un sorvegliante ... l'assimilazione ebraica non è possibile. "

Queste parole sono state tradotte in fatti. Alla fine del 1942 il OUN - B ha effettuato una campagna di pulizia etnica di Volinia , e all'inizio del 1944, questa campagna ha cominciato ad includere la Galizia orientale. Si stima che circa 70.000 polacchi, in maggioranza donne e bambini, insieme a uomini disarmati , furono massacrati durante la primavera e la campagna estiva del 1943 in Volinia dal OUN - Bandera ha la responsabilità principale dei massacri .

I nazisti utilizzarono le milizie di Bandera  per conquistare l'Ucraina, ma poi le schiacciarono. Naturalmente! Per Hitler ci può essere un solo padrone, e tutti i popoli slavi (compresi gli ucraini) erano per lui una razza inferiore adatta solo a servire i padroni ariani. I nazisti trattarono gli ucraini come schiavi e il loro paese come un gigantesco granaio per soddisfare il bisogno della Germania di prodotti agricoli . L'incubo finì solo quando l'Armata Rossa liberò l'Ucraina dalla barbarie fascista.

Oggi alcuni cercano di negare la verità storica e di trasformare il criminale fascista Bandera in una sorta di eroe nazionale. Nel 2010, Viktor Yushchenko il democratico favorito dell'Occidente, ha insignito Bandera del titolo di Eroe dell'Ucraina . Tale premio vergognoso è stato condannato dalle organizzazioni ebraiche russe e polacche ed è stata ufficialmente revocato nel gennaio 2011. Ora i ritratti di Bandera sono esposti sfacciatamente in Piazza Maidan, un fatto eloquente sulla natura di almeno una parte significativa degli attivisti che lottano per il potere in Ucraina .

La natura reazionaria di questi "attivisti" è stata sottolineata dalla distruzione del monumento di Lenin a Kiev e dalle selvagge percosse inflitte ad attivisti sindacali e di sinistra. In principio il Kftu ( Confederazione dei sindacati liberi di Ucraina ) ha adottato una posizione di sostegno acritico per la protesta Maidan . In questo sostegno non vi era alcuna traccia di discorso comunista o di sinistra . Eppure quando Miroshnichenko , un deputato del partito di estrema destra "Svoboda" ha preso un volantino ha subito dichiarato che erano "attivisti di sinistra" ed è stato annunciato dal palco che avrebbero dovuto essere buttati fuori dalla piazza. Attivisti sindacali sono stati attaccati e uno di loro ha avuto il volto fracassato. Questa violenza controrivoluzionaria non viene mai mostrata sugli schermi televisivi occidentali, che si concentrano esclusivamente sulla violenza (certo innegabile) delle forze di Stato .

Partiti fascisti e demagoghi prosperano su una situazione di caos sociale ed economico che ha esasperato un grosso numero di elementi piccolo borghesi. Questi elementi disperati, spinti in egual misura da sentimenti di disprezzo per la classe operaia e un'invidia accecante dei ricchi, sono a volte capaci di atti di coraggio disperato, ma non hanno una chiara prospettiva oltre a un odio bruciante per l'autorità e il desiderio di abbattere l'ordine esistente che vedono come la fonte di tutti i loro problemi. Queste persone sono facilmente manipolati dalla demagogia fascista che dice loro che sono in realtà una razza superiore in lotta per una nobile causa, la salvezza della nazione ucraina dagli oligarchi ebrei, comunisti e russi. I fumi nocivi dello sciovinismo si fondono con gli odori inebrianti di incenso e il canto dei sacerdoti fanatici .

Ciò che la gente in piazza non sospetta è che dietro a questa fitta cortina fumogena di demagogia pseudo-patriottica si trova la mano nascosta di quegli stessi oligarchi privilegiati contro i quali sono chiamati in piazza , ma che invece tirano ancora le fila. E dietro tutti gli appelli per ripristinare la grandezza storica dell'Ucraina si trova una minaccia mortale per distruggere l'Ucraina come nazione unificata, per dividerla in due pezzi e darne uno all'imperialismo tedesco, da un lato, e un altro alla rapace cricca del Cremlino. Come sempre a perderci sarà la gente comune.


L'UE e gli USA

 

Ora, per quanto l'UE desideri inglobare l'Ucraina nella sua sfera di influenza, i politici di Bruxelles e Berlino non hanno alcun interesse a permettere che i violenti sconvolgimenti in quel paese entrino in una spirale fuori controllo, finendo chissà dove. Gli americani possono permettersi di essere ottimisti, ma la Cancelliera tedesca ha abbastanza problemi da affrontare con i deficit in Grecia e in Spagna, e non sarebbe entusiasta di pagare le bollette a posto del governo di Kiev. Né sarebbe molto contenta della prospettiva di una marea di profughi che bussano alla porta della Germania .

D'altro canto la Germania ha ottimi rapporti con la Russia e il suo presidente Vladimir Putin, che fornisce grandi quantità di gas per mantenere case e fabbriche tedesche al caldo e ben illuminate. Allarmata da questi sviluppi inattesi, Angela Merkel ha telefonato il presidente Putin chiedendogli di disinnescare la crisi e ha spinto per un "dialogo costruttivo" tra l'opposizione e il governo. A seguito di questa telefonata con Putin, ha detto che "tutti i partiti devono accettare la responsabilità di stabilizzare il paese ".

Questo comportamento eccessivamente responsabile ha chiaramente provocato una certa irritazione a Washington, che si aspettava una risposta più robusta di fronte agli avvenimenti di Kiev. La Casa Bianca ha immediatamente puntato il dito contro Mosca dopo che erano trapelate registrazioni di diplomatici americani che discutevano rispetto all'Ucraina. I conflitti e le contraddizioni tra gli imperialisti possono spesso avere un lato divertente, come dimostra “l'infortunio” seguente.

In un clip audio postato su YouTube , il vice Segretario di Stato Victoria Nuland e Geoffrey Pyatt , ambasciatore americano in Ucraina, discutevano al telefono, suggerendo la soluzione perfetta per risolvere i problemi dell'Ucraina (perfetta, cioè , dal punto di vista di Washington) : Arsenij Yatseniuk , un leader dell'opposizione ed ex ministro degli esteri , dovrebbe essere inserito in un nuovo governo a Kiev. Ma Vitali Klitschko, un ex pugile dei pesi massimi noto per essere preferito dalla Merkel , è descritto come inesperto e come uno che ha bisogno di "fare i compiti (politici) a casa" .

Victoria Nuland si riferisce ai due uomini come "Yats" e "Klitsch". Le due voci si lamentano di come l'UE sia vista dagli Stati Uniti come troppo “soft" in Ucraina. A un certo punto, esprimendo la frustrazione nei confronti  dell'UE e la sua incapacità di fare fronte comune con gli  Usa nella minaccia di sanzioni contro i leader dell'Ucraina, la signora Nuland esclama "Fanculo l'UE". Un portavoce del Segretario di Stato, ha detto che gli Stati Uniti non vogliono esprimersi sull'autenticità della registrazione, ma ha riferito che la signora Nuland ha rivolto le sue scuse ai funzionari dell'UE per i commenti riportati .

Non si può far finta di non capire. Se le voci in questione non erano di due diplomatici americani, ma di due attori o di altre persone ascoltate per caso, perché la signora Nuland dovrebbe chiedere scusa? Ecco le sottigliezze bizantine della diplomazia borghese.

Da parte nostra, non abbiamo il minimo dubbio che la voce in questione era proprio quella della Nuland, e che tale linguaggio non certo da nobildonna esprima con squisita chiarezza il reale atteggiamento di Washington verso i suoi amici e alleati in tutto l'Atlantico.

Il fatto è che sia Berlino che Washington vorrebbero installare un governo fantoccio in Ucraina , anche se non sono d'accordo su quali burattini usare. Merkel vuole evitare un bagno di sangue su larga scala, che provocherebbe una marea di rifugiati verso l'UE . Ora che hanno rafforzato la loro presa sull'Ucraina, si parla pubblicamente di un "compromesso" - vale a dire un compromesso che lasci il controllo  all'Unione europea e agli americani e releghi la Russia in una posizione insignificante. Questo è il vero significato di un governo di coalizione di transizione , un "governo di unità nazionale" . Ma ciò è più facile a dirsi che a farsi.

 

Fine della partita

 

Dopo aver commesso ogni tipo di errore nella repressione, il regime ucraino ha poi replicato gli errori sul terreno delle concessioni. Nel corso di due mesi di mobilitazioni, il presidente dell'Ucraina ha rifiutato di fare concessioni ai politici dell'opposizione. Il punto di svolta è stato il 20 febbraio, quando il parlamento ucraino ha votato un cessate il fuoco. A seguito di una riunione dei vertici Ucraini con l'Unione europea , Yanukovich ha dichiarato la sua disponibilità a tenere le elezioni presidenziali e politiche anticipate, l'istituzione di un governo di unità nazionale e ad un cambiamento della costituzione.

Mosca ha proposto colloqui trilaterali sulle future relazioni commerciali ed economiche con l'Ucraina, un invito che l'UE ha declinato. Venerdì 21 febbraio, vedendo che il suo appoggio diminuiva, il presidente a malincuore ha apposto la sua firma a un accordo di compromesso con i leader dell'opposizione. Dopo aver escluso la Russia, l'accordo ha visto la mediazione dai ministri degli Esteri di Francia, Germania e Polonia. Proponeva un nuovo governo di unità nazionale, modifiche costituzionali per restituire più poteri al Parlamento ed elezioni anticipate, da tenersi entro dicembre . Il ministro polacco ha dichiarato che questa era “la migliore offerta possibile" .

Ma gli avvenimenti nelle piazze si muovevano più velocemente delle ruote maldestre della diplomazia.  Questo accordo poteva essere sufficiente per l'opposizione moderata e l'UE, ma per l' ala più estrema dei manifestanti rappresentava solo un segno di debolezza , una luce verde per continuare la rivolta "fino alla vittoria finale . " I manifestanti hanno detto che non erano disposti per aspettare le elezioni in dicembre e non avrebbero accettato niente di meno che l'immediata rimozione di Yanukovich.

Se la stessa offerta fosse stata fatta due mesi prima si poteva riuscire a dividere l'opposizione e far cessare le proteste. Ma ora è stata considerata correttamente come un segno di debolezza. I radicali hanno immediatamente respinto la ”falsa” tregua e hanno intensificato i loro attacchi con scontri sempre più violenti a Kiev e l'assalto agli edifici amministrativi in tutto il paese .

Le violenze sono continuate, come se la diplomazia non esistesse . Nelle regioni dell'Ucraina occidentale i manifestanti occupavano edifici governativi , rifiutando di riconoscere il governo di Kiev. Il contagio si stava diffondendo rapidamente con i ribelli che avevano preso il potere  nelle città occidentali come Uzhgorod, Luchka e Leopoli. Da molti luoghi in Ucraina occidentale arrivavano rapporti in cui si riferiva che la polizia fraternizzava con la popolazione  e l’autorità statale stava crollando. Il potere statale si stava sgretolando rapidamente. La minaccia di una guerra civile aperta incombeva sempre più al passaggio di ogni ora.

Una squadra di circa 60 poliziotti sono arrivati dalla città di Sokal nella regione di Leopoli  si sono recati a Maidan insieme a sacerdoti e volontari civili armati di fucili. Il comandante della polizia di Sokal , parlando dal palco, ha detto: "Abbiamo anche armi , e sappiamo come usarle . E se spareranno nella direzione di Piazza Maidan risponderemo ."

Intuendo che il vecchio regime si stava sgretolando, i manifestanti hanno preso il controllo degli edifici amministrativi e presidenziali. Non c'è stata nessuna resistenza . La polizia ha fermato la guardia del palazzo presidenziale e i manifestanti sono riusciti a entrare nella sontuosa residenza di campagna del presidente fuori Kiev e osservare il lusso ostentato grottescamente, pagato dai miliardi saccheggiati dal popolo da parte una oligarchia vorace e parassitaria.

Gli avvenimenti nelle strade hanno alla fine condotto a un cambiamento fondamentale del rapporto di forze in Parlamento. Un tentativo di un accordo di compromesso con la partecipazione dell'Unione europea non è riuscito a fermare un processo che aveva già raggiunto un punto di non ritorno. Temendo, se non per la loro vita , sicuramente per il loro patrimonio e i loro privilegi, i membri del partito di Yanukovich hanno rapidamente cambiato parte della barricata e il parlamento ha alla fine votato per rimuovere Yanukovich dal potere e indire nuove elezioni il 25 maggio .

L'opposizione aveva ormai preso il controllo di tutte le principali leve del potere a Kiev, deputati dell'ex partito di governo erano stati picchiati, fatti oggetto di lancio di pietre e intimiditi. L'opposizione in parlamento ha licenziato tutti i principali ministri del governo precedente e proceduto a nuove nomine.

L'ex primo ministro Yulia Tymoshenko, dopo essere stata rilasciata dal carcere, si è rivolta folla in Piazza dell'Indipendenza di Kiev e , tra scoppi di lacrime, ha esortato i sostenitori dell'opposizione di continuare la loro protesta. "Fino a quando non si è finito il lavoro ... nessuno ha il diritto di lasciare la piazza ", ha detto lei , senza chiarire ciò in cui "il lavoro" consistesse. Gli Stati Uniti e l'Unione europea hanno accolto con entusiasmo il rilascio della signora Tymoshenko , definendolo "indispensabile per una Ucraina democratica" . Ma molte persone in Ucraina non condividono il loro entusiasmo . Ricordano bene come Timoshenko e gli altri leader della cosiddetta rivoluzione arancione li abbiano traditi. È stato riportato che molte persone si sono allontanate, disgustate, quando è apparsa sul palco .


Conflitti nel oligarchia

 

La questione nazionale è sempre piena di contraddizioni, e in nessun luogo questo vale più che in Ucraina. Anche prima della Rivoluzione d'Ottobre la lingua ucraina si parlava soprattutto nei villaggi, mentre il russo era la lingua prevalente delle città . Sin dai tempi sovietici, l'Ucraina orientale è stata la roccaforte dell'industria ucraina, la patria della maggior parte oligarchi ucraini e la base elettorale del partito delle Regioni del presidente Viktor Yanukovich.

Vi è ora un serio pericolo che questo paese complesso e fragile potrebbe dividersi , con conseguenze catastrofiche per la popolazione sia dell'Ucraina occidentale che di quella orientale. Già corre voce che i governanti della Crimea siano volati a Mosca per chiedere che la Crimea si unisca alla Russia, se il caos in Ucraina continuasse. La marina russa ha una base importante in Crimea, una penisola del Mar Nero, che Nikita Krusciov trasferì all'Ucraina (mentre era sotto l'influenza della vodka, dicono alcuni). La Russia non esiterà a riprendersela se vede che gli americani si impossessano dell'Ucraina . Questo provvederà ulteriormente a esacerbare le crescenti tensioni tra la Russia e l'Occidente .

Mentre la situazione nelle strade peggiorava sono iniziate a comparire divisioni all'interno dell'oligarchia dominante. Akhmetov ha visto la sua fortuna crescere negli ultimi tre anni sotto Yanukovich. Ma a un certo punto i settori dell'oligarchia hanno valutato se Yanukovich fosse diventato un ostacolo per la tutela dei propri interessi  Sul sito del gruppo SCM, di proprietà di Akhmetov, è apparsa una dichiarazione che chiede maggior dialogo. Akhmetov è stato attento a costruire rapporti con l'opposizione per essere pronto ad ogni eventualità, dice Fesenko . "Gli oligarchi mantengono buone relazioni con l'opposizione come polizza di assicurazione - è come investire in futures ."

Gli oligarchi avevano anche i loro problemi con Yanukovych e "la famiglia" , gli uomini d'affari privilegiati nella cerchia del presidente che erano stati avvantaggiati per la stipula dei contratti più succosi dal 2010 in poi. Gli ucraini di tutte le regioni, sia ad Est che ad Ovest sapevano da tempo che la corruzione è endemica all'interno del governo ma, quando i manifestanti sono entrati nella maestosa residenza di Yanukovich alla periferia di Kiev , sono rimasti a bocca aperta dalla quantità di oro e marmo presenti.

C'erano campi da tennis, un ring di pugilato, struzzi, pavoni e galli cedroni, una voliera e quello che sembrava essere uno zoo con cervi e cinghiali. In realtà, questo non era un zoo , ma la dispensa privata di carne del presidente . Lo spettacolo è stato completato con un salone da ricevimenti galleggiante, con bottiglie di vodka dall'etichetta con foto del presidente sorridente. Non a caso molti hanno osservato: "Ecco dove è finito tutto il denaro."

Questa esposizione eclatante della ricchezza più eccessiva ha svelato la misura in cui il presidente e il suo entourage si erano arricchiti a spese del paese. Ma l'idea che ciò possa costituire un fattore unificante si rivelerà un'illusione . La gente in Ucraina sia in Oriente come in Occidente sa che l'intera classe politica è corrotta. Anche la popolazione è disgustata alla vista di una corruzione così sfacciata, non crede che gli uomini e le donne che hanno sostituito Yanukovich siano molto meglio .

La loro paura e la diffidenza nei confronti  dei politici a Kiev supera di gran lunga qualsiasi soddisfazione momentanea che potrebbero provare per la caduta in disgrazia di Yanukovich. Nelle regioni orientali infatti, se Yanukovich viene criticano è soprattutto perché non è riuscito a reprimere più duramente per i manifestanti e ha permesso che si sviluppasse il caos, e perché è scappato invece di tenere duro. Qui abbiamo due Ucraine, che non solo parlano due lingue diverse , ma hanno due mentalità completamente diverse e due modi contrastanti di interpretare i medesimi eventi . Questa è una situazione molto pericolosa , gravida di conseguenze ancora più serie per il futuro dell'Ucraina.

 

Russia e Ucraina

 

I diplomatici americani ed europei stanno cercando di tirare l'Ucraina dalla loro parte e di  aumentare la loro influenza a Kiev . Ma l'UE ha appena imparato una utile lezione: se si gioca con il fuoco prima o poi c'è il pericolo di bruciarsi le dita. Il caos continuo in Ucraina minaccia la stabilità economica e politica della stessa UE .

sebastopoli
Dispiegamento di truppe a Sebastopoli (Crimea), 28 febbraio

L'Unione europea, preoccupata per le implicazioni della crisi ucraina, sta cercando un compromesso, che comporterebbe la creazione di un nuovo governo tecnocratico guidato da esponenti dell'opposizione, e modifiche costituzionali in modo da ridurre i poteri del presidente .

L'idea che le relazioni più strette con l'UE sia un bene per il popolo ucraino è contraddetta dai fatti. L'UE è poco probabile che invii grandi quantità di denaro all'Ucraina, dati i suoi gravi problemi finanziari. Gli europei stanno parlando vagamente di fornire assistenza finanziaria per l'Ucraina "una volta che la democrazia venga ripristinata." La stessa vaghezza delle promesse è la prova della loro mancanza di sincerità . La Merkel non è disposta a inviare denaro alla Grecia. Perché dovrebbe essere più generosa verso l'Ucraina ?

La borghesia europea, pertanto, spera nervosamente che gli Stati uniti arrivino in aiuto - sotto la maschera del FMI . Un eventuale pacchetto di salvataggio da parte del FMI implicherebbe  condizioni molto dure come quelle imposte alla Grecia o anche peggiori. Ci sarebbero dovuti essere tagli selvaggi alla spesa pubblica, aumento della tassazione e una riduzione dei sussidi. Il FMI chiede un aumento sostanziale della bollette dell'energia dell'ordine del 40 per cento. In altre parole, significherebbe ancora più miseria e povertà rispetto a quella che esiste ora. Inoltre, cosa rimarrebbe del concetto di sovranità nazionale ucraina quando tutte le più importanti decisioni economiche e sociali sarebbero prese da una cricca di banchieri europei e americani?

Proprio come l'UE e gli Stati Uniti stanno cercando di attirare l'Ucraina verso l'Occidente , così la Russia sta esercitando pressione per mantenere il suo vicino di casa saldamente nel proprio campo. Per controbilanciare l'UE, Putin sta cercando di formare una sorta di mercato eurasiatico comune ma, senza la presenza dell'Ucraina  questo sarebbe un'anatra zoppa . La caduta di Yanukovich non significa affatto che la Russia sia rassegnata a vedere l'Ucraina scivolare verso la sfera d'influenza degli Stati Uniti e dell'Unione europea. E ha leve molto potenti con cui farsi ascoltare.

Mosca ha ripetutamente accusato l'Occidente di tirare le fila del movimento di protesta in Ucraina - un'accusa che Washington e Bruxelles hanno sdegnosamente respinto, anche se la loro interferenza negli affari interni dell'Ucraina non è meno reale di quella di Mosca . Sergei Glaziev, un consigliere del presidente Vladimir Putin , ha accusato gli Stati Uniti di "spendere 20 milioni di dollari alla settimana" per finanziare l'opposizione ucraina, compresa la fornitura di armi. La Russia ha  già richiamato il suo ambasciatore a Kiev . Più minacciosamente, Mosca mette in chiaro che difenderà la popolazione russofona dell'Ucraina. L'ultima volta che tale linguaggio è stato usato è stato quando la Russia ha invaso la Georgia .

Mentre  non è escluso un simile sviluppo, Putin ha altre armi a disposizione. La fornitura di gas a basso costo e i prestiti russi sono gli unici fattori che impediscono un crollo totale dell'economia traballante dell'Ucraina . L' idea che Mosca sarebbe stata disposta a continuare ad onorare e crediti a un governo di Kiev che è apertamente ostile alla Russia appartiene al regno delle favole . Com'era prevedibile , i russi hanno già annunciato la sospensione dei loro aiuti. Essi hanno avvertito che ad qualsiasi riavvicinamento con l'UE avrebbero risposto con un aumento dei dazi doganali per le esportazioni ucraine verso la Russia . Potrebbero anche esigere tutti i debiti in sospeso. Questo sarebbe sufficiente per gettare l'economia ucraina - già in pessimo stato - in caduta libera con conseguenze disastrose.

C'è ancora un'altra possibilità che si profila più grande di giorno in giorno: la decomposizione completa dell'Ucraina come  un'unica nazione. Parlare di una "nuova alba" è dunque perlomeno prematuro. Lungi da arrivare alla stabilità , la situazione potrebbe ancora mutare ulteriormente in peggio. Le linee di frattura nella società ucraina sono così profonde ormai che una divisione del paese non può più essere esclusa. Non si potrebbe arrivare a questo punto senza terribili violenze e spargimenti di sangue .

Putin e i suoi consiglieri stanno sicuramente già valutando su questa possibilità . Se l'alternativa è perdere l'Ucraina del tutto, potrebbero ritenere preferibile la scissione della parte orientale, che ospita la maggior parte dell'industria , importanti giacimenti di carbone e fertili terreni agricoli. Un tale sviluppo, a cui non si giungerebbe in modo pacifico , sarebbe una catastrofe per il popolo ucraino . Lo spettro terribile della Jugoslavia tornerebbe di nuovo di attualità.

 

Qual è la soluzione?

 

Mentre scrivo queste righe, Yanukovich, che è fuggito da Kiev su un elicottero,  pare si sia rifugiato in Ucraina orientale. L'ex presidente ha denunciato gli avvenimenti a Kiev come un colpo di stato e ha detto che non si dimetterà. Questa è la prima indicazione del fatto che nulla è stato veramente risolto. Se Yanukovich sia in grado di resistere è una questione aperta. Putin e l'oligarchia potrebbero considerarlo ormai un peso. Ma ciò che è chiaro è che l'autorità del nuovo governo di Kiev non si estende più fino a Donetsk . Il cosiddetto governo di unità nazionale risulta così in pratica essere un governo di disunità nazionale.

Il Partito delle regioni di Yanukovich è il partito degli oligarchi ucraini orientali dell'acciaio con forti legami con la Russia. Essi si basano fortemente sul mercato russo e sono completamente contrari a legami più stretti con l'UE , un fatto che li porterebbe alla rovina . Questo è anche un fattore importante per i lavoratori delle regioni orientali per opporsi alla svolta verso l'UE. Anche se odiano gli oligarchi e non amano il presidente o il suo partito, temono che qualsiasi altra alternativa sarebbe ancora peggiore

Se il movimento di protesta si fosse concentrato su un attacco complessivo alla corruzione , senza alcuna implicazione nazionalista ucraina e filooccidentale, o propaganda anti-russa, allora avrebbe potuto diffondersi alla classe operaia industriale nell'Ucraina orientale. Il risultato finale avrebbe potuto essere del tutto diverso . Ma le persone di lingua russa dell'Ucraina hanno dato un'occhiata agli striscioni fascisti e pro-Bandera in Piazza Maidan e alla distruzione della statua di Lenin e, naturalmente, si sono allontanati con disgusto .

La debolezza principale del movimento è l'assenza di un movimento indipendente della classe operaia. Ci sono stati diversi tentativi di organizzare uno sciopero nazionale, ma nessuno ha avuto successo. La stragrande maggioranza della classe operaia è ferocemente ostile alla oligarchia e al regime politico corrotto . Ma non si vedono rappresentati dai manifestanti e hanno adottato un atteggiamento passivo. È l'assenza di un movimento indipendente del proletariato ucraino che ha condotto le proteste in un vicolo cieco .

L'atteggiamento dei lavoratori nelle regioni orientali è di scetticismo. Quando viene detto loro che Yanukovich è corrotto, alzano le spalle e dicono : “E chi non lo è?" Questo scetticismo è fondato. Hanno già avuto l'esperienza della "rivoluzione arancione", e si ricordano come è finita. C'è stato un rimpasto ai vertici e una banda di oligarchi corrotti ha preso il posto di un'altra, e per le masse nulla è cambiato - no, anzi è andata anche peggio con il paese che è scivolato ancora più a fondo in un pantano di corruzione e caos .

Sulla base del capitalismo, la prospettiva per il popolo dell'Ucraina è desolante. C'è un altro scenario per mezzo del quale preservare l' unità e l'indipendenza dell'Ucraina? Un tale scenario esiste . Non ci può essere alcun dubbio che la grande maggioranza degli ucraini è totalmente stufa di questa situazione e vorrebbe che finisse. Ma la prima domanda che si pongono è: qual è l'alternativa ?

Non ci possono essere scorciatoie o soluzioni facili. Finché la politica in Ucraina equivale a un braccio di ferro costante tra le diverse ali della stessa oligarchia, nessuna vera soluzione sarà mai possibile. La classe operaia non deve riporre alcuna fiducia nello stato o nei politici borghesi. Ciò porterebbe solo a un tradimento dopo l'altro .

Il problema centrale è quello della direzione. Se il partito comunista fosse un autentico partito comunista  non ci sarebbe nessun problema. Ma il cosiddetto Partito Comunista ha svolto un ruolo vergognoso. Il Kpu non ha mai condotto una battaglia  contro l' oligarchia e ha abbandonato ogni pretesa di difendere le idee del socialismo. Si è così condannato all'irrilevanza. Nel fuoco degli avvenimenti la classe operaia arriverà a capire la necessità di un vero partito comunista - un partito che si distingua per il programma e le idee di Lenin e della rivoluzione d'Ottobre: l' unico programma che può offrire un futuro per l'Ucraina e la sua popolazione.

L'unica vera alternativa al dominio degli oligarchi è un'Ucraina democratica e socialista, in cui la terra, le banche e le industrie sarebbero nelle mani della classe operaia e la ricchezza del paese sarebbe stata utilizzata a beneficio di tutti. Tale programma potrebbe superare trasversalmente tutte le differenze tra Est e Ovest, unendo tutte le persone che vivono del proprio lavoro contro i ricchi parassiti.
La prima condizione è l'arresto immediato degli oligarchi - tutti - e la confisca di tutta le loro ricchezze e proprietà . Una piccola idea della quantità di questa ricchezza si può vedere dalle immagini del palazzo privato di Yanukovich a Kiev. Tutto questo bottino dovrebbe essere restituito al popolo ucraino da coloro che se ne sono appropriati. Dovrebbe essere utilizzato per finanziare la ricostruzione dell'Ucraina sulla base di un'economia socialista democraticamente pianificata .

Il secondo passo è il non riconoscimento di tutti i debiti contratti dalla oligarchia e dei suoi burattini politici. Il popolo ucraino non è mai stato consultato rispetto ai loschi affari dei loro governanti  e non accetta alcuna responsabilità per questi affari. Non si deve permettere ai ladri stranieri di continuare a succhiare il sangue del popolo! La ricchezza creata dai lavoratori ucraini deve rimanere in Ucraina ed essere usata a beneficio del popolo che l'ha prodotta .

Meglio di ogni altro popolo, gli ucraini capiscono che non possono restare isolati. L'idea utopico-reazionaria del "socialismo in un solo paese" è ciò che ha portato la Russia e l'Ucraina nel vicolo cieco in cui ora si trovano . L'Ucraina ha bisogno di integrare la propria economia con i paesi vicini, ma che deve essere fatto sulla base di una vera uguaglianza, solidarietà e amicizia , non sulla base della prepotenza e della supremazia di una nazione sull'altra.

Una relazione sana tra Ucraina e Russia è assolutamente necessaria e del tutto naturale. I due popoli sono collegati da legami storici molto lunghi e forti. Il problema sorge quando gli ucraini si sentono dominati da un loro fratello più potente. Questa non è mai stata la posizione di Lenin . Il bolscevismo ha sempre difeso il vero internazionalismo. L'Unione Sovietica nei suoi primi anni è stata fondata sull'idea dell'internazionalismo proletario, l'amicizia e l'uguaglianza assoluta. È necessario tornare a quei principi.

La Russia, come l'Ucraina , è governata da una oligarchia privilegiata e corrotta che sta perseguendo i propri interessi avidi ed egoisti. Se gli operai dell'Ucraina dovessero prendere il potere, il regime di Putin non durerebbe una settimana. Il programma dell'internazionalismo socialista - il programma di Lenin - sarebbe un faro per tutti i popoli della ex Unione Sovietica per rompere con la schiavitù capitalista e unirsi insieme in una federazione socialista formata da entità libere ed eguali .

Una volta che la classe operaia abbia scacciato i parassiti di dosso e preso il controllo dei mezzi di produzione, non ci sarebbero limiti ai traguardi da raggiungere. Mettendo in comune le risorse colossali di tutti questi paesi sulla base di un piano armonico di produzione, sarebbe possibile migliorare rapidamente il tenore di vita. In queste condizioni, sarebbero le popolazioni dell'Unione europea e dell'America che rivolgerebbero sguardi invidiosi a oriente e scenderebbero in piazza per chiedere che l'Europa aderisca alla Federazione Socialista!

La condizione preliminare è che i lavoratori di Ucraina devono prendere il potere nelle proprie mani . Allora potrebbero  cominciare a risolvere i problemi. Dovrebbero fare un appello ai lavoratori russi a seguire il loro esempio:
In nome di Lenin! In nome del socialismo! In nome della classe operaia!
Questa è l'unica strada percorribile .

 

Londra, 24 febbraio 2014

Joomla SEF URLs by Artio