Breadcrumbs


Il 24 giugno circa due milioni di lavoratori sono scesi in piazza per protestare contro gli ultimi attacchi alle pensioni del governo Sarkozy. L’età pensionistica, ridotta a 60 anni di età da Mitterrand nel 1981, verrà innalzata a 62 anni. Considerato che questa manifestazione è stata convocata per l’ultima settimana di giugno, ci si sarebbe potuto attendere una bassa partecipazione. Ma non è andata così. A Parigi circa 150.000 persone sono scese in piazza. Un ulteriore giorno di agitazione è stato convocato per il 7 settembre.

I risultati delle elezioni regionali francesi esprimono un profondo rigetto della politica reazionaria e antioperaia della destra di Sarkozy. In un contesto di vivacità della lotta di classe, il pendolo politico si inclina nuovamente a sinistra, beneficiando prima di tutto il Partito Socialista (PS). La sinistra conquista 21 delle 22 regioni. Ai gollisti dell’UMP, fermi al 26%, resta solo l’Alsazia. L’altissimo tasso di astensione (53%), evidenzia però i limiti della vittoria della sinistra.

Il 30 gennaio si è svolta a Parigi una riunione molto partecipata per lanciare una rete di membri del Partito Comunista Francese (PCF) che lottano per riportare le idee del Marxismo all’interno del PCF. Si sono discusse lezioni tratte dal passato e elaborate conclusioni sui prossimi passi che il Partito deve intraprendere. Alla riunione è intervenuto anche Alan Woods, direttore del sito www.marxist.com, ed un compagno in rappresentanza dei marxisti nel PRC in Italia.

Dall’11 al 14 dicembre scorsi si è svolto il 34° Congresso del Partito comunista francese. Il documento presentato dai marxisti de La Riposte, “Renforcer le Pcf, renouer avec le marxisme” (Rafforzare il Pcf, riallacciarlo al marxismo) ha ottenuto uno straordinario risultato, il 15% dei consensi pari a 5.400 voti. Abbiamo chiesto a Jerome Metellus, delegato all’ultimo congresso nazionale e sostenitore de La Riposte, la sua valutazione rispetto al congresso e a cosa succede nel Pcf e più in generale nel movimento operaio francese.

Successo senza precedenti della piattaforma marxista!


La prima fase del congresso nazionale del Pcf (Partito comunista francese) è terminata: il testo presentato dal 90% del consiglio nazionale uscente ha ottenuto il 60% dei voti, ma la sorpresa è l’avanzata della sinistra marxista del partito. Il testo dei nostri compagni del giornale La Riposte (“Il contrattacco”) ha ottenuto infatti il 15% dei voti, pari a 5.400 militanti, senza che tra i firmatari nazionali vi fosse alcun membro della direzione uscente, parlamentare, sindaco o assessore. Cosa succede dunque nel Pcf?

 

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video