Breadcrumbs


Il documento alternativo Renforcer le PCF, renouer avec le marxisme (Rafforzare il PCF, ricollegarsi al marxismo) è stato  accettato dalla commissione congressuale per il 34esimo congresso del PCF. Questo documento è stato da poco spedito a tutti gli iscritti al partito insieme agli altri documenti in discussione nel congresso. Sarà dunque sottoposto al voto dei militanti comunisti il 29 e 30 ottobre.

 Liquidatori sulla difensiva

La Conferenza straordinaria del PCF tenutasi a La Défense (Parigi) l’8-9 dicembre scorsi ha avuto un grande merito: manifestare con nettezza l’opposizione della schiacciante maggioranza dei militanti comunisti ad ogni ipotesi di liquidazione del partito.

All’orizzonte attacchi per tutti i lavoratori


La posta in gioco nella lotta dei lavoratori dei trasporti appena conclusa era enorme: la demolizione entro il 2012 dei cosiddetti regimi pensionistici speciali di ferrovieri e autisti di bus e metrò apre la strada ad un’intensificazione dell’offensiva generale contro i lavoratori. Il governo ha ora in programma di alzare da 40 anni di lavoro a 41 la soglia per andare in pensione senza riduzione dei trattamenti. Anche il 2008 si preannuncia cruciale per il movimento operaio francese.

Oggi, 19 novembre, è il sesto giorno di sciopero dei trasporti in Francia. Finora i lavoratori hanno paralizzato il paese, ma mentre il governo di destra è determinato ad andare fino in fondo, i vertici sindacali sembrano disponibili ad un compromesso al ribasso. Di seguito potete leggere un articolo dei marxisti francesi che fa il punto della situazione.

I risultati del ballottaggio delle elezioni presidenziali in Francia consegnano al candidato della destra gollista (Unione per un movimento popolare, Ump), Nicolas Sarkozy, un netto margine di vittoria sulla candidata socialista (Ps) Ségolène Royal: 53,3% contro 46,7%. Sarkozy ha vinto con un discorso di destra “duro”, mentre Ségolène, cercando i moderati, è rimasta senz’acqua in cui nuotare. Sarkozy ha festeggiato la vittoria sullo yacht di Bolloré, uno dei magnati di Francia.


I risultati del ballottaggio delle elezioni presidenziali in Francia consegnano al candidato della destra gollista (Unione per un Movimento Popolare, UMP), Nicolas Sarkozy, un netto margine di vittoria sulla candidata socialista (PS) Segolène Royal, 53,3% contro 46,7%. Sarkozy ha vinto con un discorso di destra “duro”, mentre Segolène, cercando i moderati, è rimasta senz’acqua in cui nuotare.

 Il "riformismo senza riforme" avvantaggia Sarkozy
 
A pochi giorni dal secondo turno delle elezioni presidenziali, pubblichiamo una prima analisi del voto francese dello scorso 22 aprile prodotta dai compagni della rivista marxista La Riposte. Dopo il voto di domenica prossima forniremo ai nostri lettori un'analisi più dettagiata.
Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video