Breadcrumbs

La Segreteria provinciale del Partito della Rifondazione Comunista di Parma denuncia il gravissimo atto razzista commesso da alcuni vigili urbani nei confronti di un giovane di origine ghanese, picchiato, denudato ed offeso in una cella del comando di Polizia Municipale.

Era nell’aria. Il primo atto del Berlusconi IV si doveva inevitabilmente realizzare nell’ambito di quello che è stato, nel corso degli ultimi mesi, il principale collante ideologico che ha tenuto assieme la destra, i mass-media e i vari tirapiedi (sindaci, ma non solo) del Partito democratico. Stiamo parlando dell’odio di classe contro gli immigrati, moderna cortina fumogena che serve a distogliere l’attenzione dei lavoratori e dei ceti popolari dal violento attacco che si prepara sul terreno economico e sociale.

Pubblichiamo un nuovo opuscolo contro la propaganda razzista che ormai dilaga su tutto il territorio della penisola.
Gli immigrati, extracomuntari o meno, sono per Tv e giornali responsabili di ogni crimine: stupri, scippi, rapine ed omicidi sembrano essere il passatempo preferito di rumeni e maghrebini, nonostante i dati del ministero dell’interno dicano tutt’altro.


L’onda lunga del razzismo e della xenofobia alimentata dall’isterica campagna di stampa e dal decreto del governo Prodi sulle espulsioni facili, ha avuto i suoi risvolti anche a Parma dove l’amministrazione comunale (Forza Italia, Udc e lista civica) ha fatto a gara con la Lega Nord a chi si imponeva come miglior fanatico della “legalità” e della “sicurezza” tra sgomberi di alloggi, maiali dissacranti  e ronde squadriste.  Ma la risposta antirazzista è stata all’altezza e nel mese di novembre in città si sono prodotti importanti passi in avanti sul terreno della lotta per i diritti dei migranti.

Di fronte alla massiccia campagna razzista e securitaria lanciata da mass media e padronato e fatta propria anche dal neonato Partito Democratico, la redazione di Falcemartello ha pubblicato un nuovo opuscolo che cerca di smontare i luoghi comuni della propaganda razzista e di fornire un programma di lotta per l'unità di lavoratori italiani e immigrati.

Rifondazione comunista alle corde
 

Il finimondo che si è scatenato attorno all’episodio di Tor di Quinto ha sprofondato i giornali e le televisioni di questo Paese, nelle giornate del ponte di Ognissanti, in un abisso di razzismo, intolleranza, ignoranza e di irrazionali divisioni su basi razziali e nazionali dispiegate a tutto spiano. 


Sottocategorie

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video