Breadcrumbs

Perchè lottare per una pensione pubblica dignitosa per tutti

Da anni assistiamo a una martellante campagna volta a demolire la previdenza pubblica, in particolare il diritto alla pensione. In questi ultimi vent’anni abbiamo assistito a svariate controriforme, tutte con un unico fine, far pagare – anche per quella via – la crisi del capitalismo ai lavoratori.
fondi_pensioneNegli ultimi anni poi, a causa delle continue controriforme pensionistiche, governi, padroni e i dirigenti dei principali sindacati, hanno rilanciato la fatidica parola d’ordine della pensione complementare. Ovvero, con le ultime controriforme, alla fine di una vita di lavoro e sacrifici, la pensione che percepiremo sarà così bassa che è necessario fin da subito costruirne una aggiuntiva decurtandosi altri soldi dai già miseri stipendi, per poter tra qualche decina d’anni “godere” di un’integrazione. Nel 2007, mentre contemporaneamente il governo di centrosinistra, Confindustria, Cgil, Cisl e Uil, iniziavano la volata finale per quello che sarebbe stato il fatidico accordo del 23 luglio sul welfare in cui condizioni di lavoro, previdenziali e diritti sarebbero ulteriormente peggiorati, le parti sociali si facevano carico della più grande campagna pubblicitaria tra i lavoratori dipendenti per promuovere i fondi pensione.

È proprio così? Le pensioni integrative sono la risposta ai continui attacchi alla previdenza?

Pensiamo di No e con questo opuscolo vogliamo offrire ai lavoratori, a chi ne vuol sapere di più, un contributo per continuare la battaglia contro i fondi pensione, una tra le più colossali fregature per i lavoratori, battaglia che non può che marciare a fianco della lotta per una pensione pubblica e dignitosa.

 

Richiedi questo opuscolo, al costo di un euro, scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
oppure contattando i nostri sostenitori nella tua città

 

Joomla SEF URLs by Artio