Breadcrumbs

 

I fondi pensione non migliorano la nostra vita

 

 

A giudicare dal crollo dei salari reali e dal massacro delle conquiste sociali del dopoguerra la politica della "concertazione" ha significato una serie inarrestabile di sconfitte e arretramenti. Ma adesso, finalmente, i dirigenti sindacali si sono decisi a risolvere una volta per sempre la situazione infelice in cui versano i lavoratori italiani. Come? Speculando in borsa.

 

Carrier: vittoria in Spagna

 

La filiale spagnola della multinazionale Carrier, un gruppo Usa specializzato in condizionatori d’aria aveva licenziato il 9 ottobre, Mariano Rivier delegato della Rsu e Celestino Arbaolaza delegato e segretario della sezione sindacale delle Commissioni Operaie CC.OO., colpevoli di aver criticato su volantini distribuiti in azienda il comportamento repressivo della direzione che voleva preparare la strada per una riduzione dell’organico.

 

Polydata: i lavoratori non mollano!

 


Nello scorso numero abbiamo pubblicato un articolo sulla difficile quanto improvvisa situazione in cui si erano venuti a trovare i lavoratori della Polydata Software di Milano. Nell’articolo i lavoratori spiegavano come con un colpo di mano il padrone li ha privati del loro posto di lavoro trasferendo il centralino in cui lavoravano, che gestisce un servizio di segreteria 24 ore al giorno, in un altra località "ignota". Il tutto senza preavviso e con l’unica prospettiva, se volevano mantenere il loro posto di lavoro, di trasferirsi tutti ad Ancona entro il 13 dicembre cioè circa 3 settimane dopo l’accaduto.

 

Cesab: La concertazione

fa il gioco dell’azienda

 

Si parla molto di "flessibilità" spesso in modo generico e astratto. Ne abbiamo parlato con due lavoratori di un’azienda metalmeccanica del bolognese, Walter Rossetti iscritto alla CISL e Giampietro Montanari iscritto alla CGIL, per capire cosa concretamente significhi e come ci si possa opporre.

 

Parte la lotta all’Ilva di Taranto

 

Decisamente riuscito lo sciopero di 24 ore organizzato dal sindacato, il 13 gennaio, all’Ilva di Taranto. Sciopero che ha visto l’adesione di più del 90% dei lavoratori (13mila addetti impegnati su una superficie che è il doppio della città di Taranto). Il primo di una serie che verranno portati avanti nelle prossime settimane per far retrocedere dalla posizione unilaterale e arrogante che ha assunto il padrone, Riva, da quando ha messo le mani sulla più grande acciaieria d’Europa.

 

I lavoratori UPS non hanno chinato la testa!

 

 

Nel bel mezzo del picco di Natale i lavoratori Ups di Bergamo hanno deciso di incrociare le braccia uniti contro i sabati lavorativi.

Nonostante il contratto nazionale dica chiaramente che il lavoro si svolge dal lunedì al venerdì sono ormai oltre 500 sabati che i lavoratori della filiale di Bergamo hanno garantito all’azienda senza avere nulla in contro partita.

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video