Corrispondenze operaie - Falcemartello

Breadcrumbs

Terim

Modena - Cinque mesi fa alla Terim, dopo due settimane di sciopero a oltranza, i dirigenti sindacali sono riusciti a far passare in assemblea un accordo che prevedeva un piccolo aumento salariale in cambio di misure contro l’assenteismo. È dunque utile fare il punto della situazione per comprendere meglio i cambiamenti avvenuti. Per quanto riguarda l’aspetto salariale si dovrà attendere febbraio mentre per la verifica dell’assenteismo si nota un chiaro peggioramento che ha portato molti lavoratori a licenziarsi, a causa dell’invivibilità in fabbrica.

Unità di classe contro i licenziamenti

Lunedì 4 ottobre, arrivati nel piazzale della Necchi di Pavia con l’intenzione di raccogliere firme contro i referendum della Bonino, troviamo una decina di lavoratori che presidiano l’entrata con due gazebo, uno striscione storico del Consiglio di Fabbrica e una bandiera del Flmu. Tutti leggono attentamente la lettera aperta e la sottoscrivono.

L’unica strada è la nazionalizzazione

Il 16 settembre il tribunale di Ivrea ha formalizzato, respingendo la proroga d’affitto presentata dall’Eurocomputers, la crisi irreversibile in cui versava da tempo quella che fu la Silicon Valley italiana.

No a un contratto farsa!

Nel rinnovo del CCNL del settore Gomma-Plastica sono coinvolti 150.000 lavoratori, occupati sia in piccolissime aziende, che in grandi gruppi (Pirelli, Michelin, ecc.). Prima della
chiusura estiva i lavoratori sono stati consultati sulla base dell’ipotesi di piattaforma elaborata dai sindacati confederali. Il giudizio che diamo è fortemente negativo sia per quanto riguarda il contenuto della piattaforma, sia per il metodo usato nella consultazione.

Nella piattaforma non c’è nessuna chiara rivendicazione negli interessi dei lavoratori, mentre abbondano i cedimenti a favore degli industriali. Questi i punti principali:

Respingiamo gli attentati al sindacato, ma non smettiamo di criticare i dirigenti

Pochi giorni dopo l’attentato che ha colpito la camera del lavoro di Torino, nella notte tra l’11 e il 12 maggio due bombe molotov sono state lanciate contro la camera del lavoro di piazzale Segesta a Milano.

Mobilitarsi per la sicurezza!

L’aumento forsennato dei ritmi di lavoro, gli straordinari, la precarizzazione, e tutto quello che vuol dire flessibilità, hanno aumentato enormemente la produttività delle aziende. Produttività che si è trasformata in profitti per i padroni e aumento dello sfruttamento per i lavoratori. Sfruttamento che ha portato a livelli altissimi gli infortuni, i morti sul lavoro e le malattie professionali. I dati dell’Inail, (vedi box), a questo proposito non lasciano dubbi sulla gravosità del problema.

Bologna - L’otto di aprile due articoli hanno catalizzato l’attenzione dei lavoratori di IMA S.p.A. (Bologna) ed entro le prime ore della giornata sono stati fotocopiati e diffusi in tutti i reparti e uffici, nonché affissi ad alcune delle bacheche aziendali.

Il primo (Marco Vacchi, presidente dell’IMA, racconta come è cambiato il mestiere di imprenditore), pubblicato nella cronaca regionale de Il Resto del Carlino, È un intervista sulle gioie e i sacrifici di una lunga carriera imprenditoriale.

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video