Breadcrumbs

Ora che il polverone elettorale sembra si sia stabilizzato, molti sono già rimasti delusi dalle scelte di Barack Obama per quanto riguarda i suoi ministri. Ciononostante gode di percentuali di consenso clamorose, oltre l’80%. Ma questo significa solamente che nel futuro la reazione di fronte all’inevitabile delusione sarà molto più esplosiva.


È vero cambiamento?
 
Barack Obama è il nuovo presidente degli Stati Uniti. È stato eletto con un’affluenza alle urne record, il 66%, percentuale che non si verificava dal 1960. Ha ottenuto il 52% dei voti: non succedeva dal 1976 per un candidato democratico alla Casa Bianca, nemmeno Bill Clinton infatti era mai riuscito ad ottenere la maggioranza assoluta.

A meno di due settimane dalle elezioni presidenziali, Barack Obama sembra ormai avviato alla vittoria sul repubblicano Mc Cain. Molti commentatori parlano di un cambiamento epocale nella politica di Washington. Ma sarà veramente così? In questo articolo i compagni della rivista marxista Socialist Appeal ci forniscono una visione ben diversa da quella che va per la maggiore.

Le primarie Usa e la sinistra italiana


Gli ultimi giorni hanno visto entrare nel vivo la corsa per le nomination del partito democratico e del repubblicano. C’è un testa a testa specialmente tra i democratici, dove Barack Obama sta prevalendo su Hillary Clinton, anche se non è ancora deciso nulla.

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video