Breadcrumbs


Fermare l’attacco allo stato sociale con un nuovo autunno caldo


Il braccio di ferro che vede impegnata Rifondazione contro l’Ulivo e in particolare contro il Pds attorno alla discussione sullo stato sociale potrebbe apparire a un occhio superficiale una ripetizione di quanto già visto nell’ultimo anno e mezzo.

Intervento "umanitario" in Somalia

Torture? No, solo i soliti elementi deviati!

Soldati italiani hanno torturato in Somalia. Forze armate, Governo e stampa fanno il coro per presentare i fatti come eccessi isolati, al di fuori della storia e della società e, soprattutto, al di fuori della "missione di pace". Nessuno dimentica che le Forze Armate italiane sono tuttora impegnate in una di queste missioni, in Albania. Tutto questo è solo un grande esempio di ipocrisia. Intanto è un ipocrisia cercare di presentare la tortura come un’anomalia, isolarla dal concetto di guerra. La guerra è la fine delle regole e le regole che vietano la tortura in guerra sono sempre valse meno della carta su cui erano scritte. La guerra, particolarmente quella degli oppressori contro gli oppressi, è sempre barbara e assassina, dobbiamo stupirci che sia anche torturatrice?

Cambia il vento in Europa

No al monetarismo!
Per l’occupazione e le garanzie sociali

Uno dei capitoli da sempre più criticati del Capitale di Carlo Marx è il XXIII del primo volume, nel quale si ipotizza l’impoverimento tendenziale della classe operaia in regime capitalistico. Questa prospettiva sembrava essere smentita nel secondo dopoguerra, quando circostanze eccezionali e non normali del capitalismo, provocarono un boom economico senza precedenti che permise un progressivo miglioramento del tenore di vita dei lavoratori nei paesi a capitalismo avanzato.

Un sistema sanitario pubblico o privato?

La nostra salute è sicura nelle mani dei capitalisti?

Nonostante le rassicurazioni del ministro Bindi stiamo vedendo un peggioramento nel servizio sanitario.

Ne abbiamo parlato con Mirco, infermiere all’ospedale Santa Maria Nuova (SMN) di Reggio Emilia e Consigliere comunale per il PRC.

Prodi prepara la "cura europea"…

Sullo stato sociale non si tratta

Il bilancio del primo anno di vita del governo Prodi è di grande delusione per tanti lavoratori che avevano votato per i candidati dell’Ulivo alle ultime elezioni. 

Il loro programma e il nostro

Non manca proprio nulla nella bozza di programma dell’Unione: dalla riforma dell’Onu a quella delle licenze per i taxisti, non c’è problema che non veda una equa, ragionevole e democratica soluzione proposta nelle 274 pagine del voluminoso documento approntato dalla “Fabbrica del Programma” bolognese.

Messina

Il no al ponte non basta!

Il 22 gennaio scorso 20mila persone hanno riempito le strade di Messina manifestando contro la costruzione del Ponte sullo Stretto. Un corteo colorato, caratterizzato dalla presenza di una delegazione di valsusini, reduci dalle proteste contro il passaggio della linea ad alta velocità ferroviaria nella loro valle.

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video