Breadcrumbs

La più grande manifestazione della storia del Portogallo o, secondo altre stime, la più grande da quando un milione di persone scesero per le strade di Lisbona, il 1 ° maggio 1974, durante la rivoluzione. Una grande marea umana di centinaia di migliaia di persone, un milione in totale, è scesa nelle piazze di 40 città di tutto il paese, sabato 15 settembre. Questa è stata la risposta del popolo portoghese all'ultimo pacchetto di austerità annunciato dal governo di destra di Passos Coelho il 7 settembre.

 

Il corteo di Lisbona

La manifestazione è stata convocata dal basso, attraverso i social network, subito dopo che il primo ministro ha annunciato un aumento della tassazione sulla sicurezza sociale per i lavoratori (TSU) dal 11 al 18%, mentre nello stesso tempo la riduzione dei contributi del datore di lavoro dal 23,75% al 18%. Di fatto tutti i lavoratori perderanno l'equivalente di un salario mensile l'anno, mentre i pensionati e i dipendenti pubblici che guadagnano più di 1.100 euro finiranno col perdere uno dei due premi annuali, pari a un mese di stipendio.

 

Annunciando contemporaneamente un aumento della tassazione per i dipendenti e un taglio dei contributi a carico dei datori di lavoro, il governo sta trasferendo 2.3miliardi di euro direttamente dalle tasche dei lavoratori ai conti bancari dei padroni. Questo è un altro attacco brutale alle condizioni dei lavoratori che viene dopo quasi 18 mesi di tagli dal pacchetto di salvataggio del Portogallo del mese di aprile 2011. I lavoratori portoghesi hanno già subito un aumento dell'IVA al 23%, un aumento delle imposte sul reddito , nuove tariffe per i servizi sanitari (5 euro per la nomina di un medico, 20 euro per l’acceso al pronto soccorso), un aumento dei prezzi di trasporto pubblico, i tagli alla spesa sanitaria e istruzione, ecc.

 

Tali misure non hanno nemmeno raggiunto i loro obiettivi dichiarati: ridurre il deficit di bilancio. Come era prevedibile, e come è successo in Grecia, i pacchetti di austerità brutali imposti dalla troika in cambio di 7.8mld di euro per tirarsi fuori dai guai, hanno aggravato la recessione economica, aumentato della disoccupazione, hanno provocato la riduzione dei consumi privati (-6%) e gli investimenti , rendendo fisicamente impossibile raggiungere gli obiettivi di riduzione del deficit. L'economia portoghese, infatti, dovrebbe registrare una contrazione del 3% quest'anno (dopo un calo del 1,6% nel 2011) e di un ulteriore 1% nel 2013. Il tasso di disoccupazione ufficiale è quasi raddoppiato, passando da 8,2% di aprile 2008 al 15,7% nel mese di luglio e si prevede che raggiunga il 17% l'anno prossimo.

 

Il governo di destra di Passos Coelho ha tentato di superare la troika nella sua attuazione di tagli e "aggiustamenti" e di apparire come il pupillo obbediente delle autorità europee, prendendo le distanze dai "greci inaffidabili". Niente di tutto questo ha funzionato, però. Ora ha dovuto riconoscere che l'obiettivo di portare il deficit al 4,5% nel 2012 è impossibile da raggiungere (il deficit raggiungerà quasi il 6% del PIL entro la fine dell'anno) e dovrà essere ritardata fino al 2013, con l'obiettivo finale di un disavanzo del 3% in rapporto al PIL rinviato a un lontano 2014.

 

La combinazione di tutti questi fattori, dei tagli di austerità massicci, la consapevolezza che sono i lavoratori ed i poveri a dover pagare la crisi, il fatto che il popolo può vedere chiaramente che non c'è fine in vista per questo buco e la recessione hanno provocato questa esplosione sociale di massa.

 

Il movimento senza precedenti del 15 settembre, con lo slogan molto eloquente di "via la troika, vogliamo le nostre vite," non è stato convocato dai partiti di sinistra e sindacati, ma è stato un movimento semi-spontaneo dal basso, una vera e propria sollevazione del popolo che mette il primo ministro alle corde.

 

Ecco come il quotidiano spagnolo El Pais ha descritto la manifestazione di Lisbona, con oltre mezzo milione di persone presenti: "Soprattutto, la marcia è stata una vera e propria marea di pensionati, i disoccupati, di madri, di dipendenti pubblici, di famiglie, di agenti di polizia fuori servizio, di lavoratori postali, medici, piccoli commercianti, di giovani coi capelli lunghi, di uomini d'affari, di veterani della lotta contro la dittatura di Salazar e di giovani che hanno lasciato le loro case di sabato pomeriggio e ha iniziato a gridare che non ne possono più, che hanno la sensazione di essere espulsi dal proprio paese. "

 

Altre 100.000 persone hanno marciato a Oporto. Come accaduto in Grecia, quando annunciato le ultime misure il 7 settembre, il primo ministro e i suoi ministri hanno visto tutte le loro apparizioni pubbliche contestate da gruppi di cittadini arrabbiati che lanciavano uova o pomodori, scuotendo le auto ufficiali e gridando l'insulto sempre più popolare "gafunos" (ladri).

 

L'ondata di indignazione è stata così potente e diffusa che ha provocato divisioni all'interno della coalizione di governo dei due partiti di destra, PSD e PP. Anche il Partito socialista, che ha firmato il protocollo d'intesa (MoU) con la troika prima di perdere le elezioni nel 2011, ed è quindi anche co-responsabile di tali misure, è stato costretto ad annunciare che si opporrà al bilancio del 2013.

 

La troika ha risposto alla ondata di opposizione con una forte dichiarazione secondo la quale la consegna della nuova tranche del piano di salvataggio dipende dall'attuazione del presente provvedimento, che fanno parte della più recente revisione del protocollo d'intesa, e ha ricordato che, di fatto, è stata proposta questa particolare misura da parte del governo portoghese per sostituire alcuni altri tagli che il Tribunale Costituzionale aveva dichiarato incostituzionali.

Chiaramente, la classe dominante portoghese e l'Unione europea sono preoccupati per il potenziale rivoluzionario di questo movimento, José Manuel Barroso, presidente della Commissione europea e di un ex primo ministro del Portogallo, ha messo in guardia contro una possibile politica "rottura o polarizzazione."

La domanda che è nella testa di tutti ora è: quale futuro per il movimento? I cortei del 15 settembre rivela che vi è forte opposizione a questo governo e molti stanno già rivendicando la caduta del governo. La dichiarazione letta al termine della manifestazione a Lisbona è corretta quando dice che il movimento ha raggiunto "qualcosa di straordinario". Spiega come la gente non accetti più che che queste misure siano inevitabili: "non accettiamo la situazione di miseria che vogliono farci vivere, la miseria della mancanza di pane, la miseria di perdere la propria casa, la miseria della precarizzazione del lavoro, del lavoro che rubano a noi, il diritto a un lavoro decente che viene negato, la miseria dei prezzi dei biglietti dei trasporti più elevati, non possiamo più permettercelo e abbiamo bisogno di andare a scuola o al lavoro, di una educazione statale che vogliono distruggere, come vogliono rubare il diritto di ammalarsi e di ricevere un trattamento decente in un servizio sanitario che ci appartiene".

La dichiarazione entra anche nelle prospettive per il movimento: "questo è l'inizio di tante altre cose ... è urgente prendere il cambiamento nelle nostre mani ... facciamo vedere una volta per tutte che siamo in grado di unire ... " Inoltre richiede chiaramente la caduta del governo: "cerchiamo di essere chiari rispetto alla nostra protesta e rispetto al fatto che questo governo della troika - un governo che è più pro-troika della stessa troika - deve dimettersi!" E aggiunge: "ma non è sufficiente. Non vogliamo sostituire questo governo della troika da un altro governo della troika. La troika e le sue misure di austerità non funzionano ... Questa manifestazione sta mostrando il cartellino rosso a.. tutte le politiche di austerità di questo governo, ma anche a quelle di qualsiasi altro governo che tenta di cambiare i nomi delle cose, ma attua le stesse misure ". Nel discutere cosa fare dopo, il documento identifica correttamente "l'importanza di uno sciopero generale in questa fase della lotta", e aggiunge che questo dovrebbe essere uno "sciopero generale popolare" che coinvolga tutte le componenti della società, indetto dai sindacati di categoria, ma che si basa su un ampio sostegno da parte della popolazione nel suo insieme, "in grado di paralizzare l'intero paese, all'unisono, contro il disastro che si sta imponendo su di noi".

 

La dichiarazione termina con un appello per un'altra manifestazione la sera del 21 settembre, quando il Consiglio di Stato si riunirà per discutere delle misure e riconosce anche il carattere internazionale della lotta: "E 'importante che questa lotta ignori le frontiere, diventando come oggi, spagnola, europea e internazionale."

I dirigenti della CGTP (la confederazione sindacale, ndt) hanno già chiesto pubblicamente la caduta del governo e tutti si aspettano che i sindacati convochino un altro sciopero generale. Finora il CGTP ha chiesto una marcia nazionale di Lisbona per il 29 settembre ma ha resistito nel fissare una data per lo sciopero generale. Questa volta anche il sindacato UGT, allineato al Partito Socialista, potrebbe essere costretto a partecipare, rompendo l'accordo firmato con il governo all'inizio dell'anno. L'esperienza della Grecia, tuttavia, mostra che, nel contesto attuale di estrema crisi del capitalismo, anche il più militante degli scioperi generali non può essere sufficiente per costringere il governo a ritirarsi. È necessario che il movimento operaio e le sue organizzazioni siano in grado di porre la questione di quale alternativa politica all'austerità capitalista. La domanda è: se questo governo cade (e questa è una possibilità concreta), quale dovrebbe sostituirlo e con quale programma?

Sui media borghesi in Portogallo si discute della possibilità di un governo tecnocratico, che potrebbe sostituire quello attuale. I leader del Partito Socialista hanno chiaramente affermato che questa sarebbe la loro opzione preferita perché permetterebbe loro di evitare di dover essere l'unico responsabile delle misure estremamente impopolari. Non sono né preparati, né disposti ad assumerseli in questo momento. D'altra parte il gruppo dirigente del PSD, di fronte a  un discredito massiccio e divisioni interne frutto delle pressioni delle masse contro le sue politiche, potrebbe anche preferire di dimettersi e lasciare che un governo "tecnocratico" prenda il sopravvento.

Gli ultimi sondaggi, dopo gli annunci del 7 settembre, mostrano un calo per la coalizione di governo con il PSD che arriva al 33% (da un massimo del 38,7% nel 2011 elezioni di giugno) e il PP in lieve calo al 10% (aveva 11,7 % alle elezioni). Il Partito Socialista è cresciuta dal 28,1% al 35,4% e vi è anche un certo aumento dei due partiti alla sua sinistra, con i comunisti che passano dal 7,9% al 9,3%, e il Bloco dal 5,2 al 7%. Chiaramente, questi sondaggi non rispecchiano lwe reali dimensioni dell’opposizione popolare al governo attuale e la profondità della rabbia accumulata.

E' cruciale che sia il Partito Comunista che il Bloco de Esquerda adottino un programma chiaro, che parta dal presupposto che la crisi del capitalismo è alla radice delle misure imposte. A partire da questo programma sviluppino una serie di rivendicazioni transitorie che colleghino la lotta contro le diverse misure di austerità con la prospettiva generale di espropriazione dei capitalisti e la pianificazione democratica dell'economia sotto il controllo dei lavoratori.

 

 

 

Joomla SEF URLs by Artio