Breadcrumbs

Le sconfitte dovrebbero perlomeno servire a riflettere sui propri errori, ma la pessima figura elettorale della lista Ingroia, di cui Rifondazione è stata parte promotrice, non ha insegnato nulla al gruppo dirigente del Prc.

Il nostro documento conclusivo

 

La sconfitta di Rivoluzione civile e di Rifondazione comunista, che ne è stata parte fondante, ha dimensioni senza appello. Non basta quindi un sussulto d’orgoglio o uno sforzo volontaristico per mettersela alle spalle e tracciare una prospettiva credibile. È necessario rimettere in discussione l’intera strategia politica che ha guidato le scelte del gruppo dirigente in questi anni.


Fuori dalle macerie: i nostri compiti

La sconfitta di Rivoluzione civile e di Rifondazione comunista, che ne è stata parte fondante, ha dimensioni senza appello. Non basta quindi un sussulto d’orgoglio o uno sforzo volontaristico per mettersela alle spalle e tracciare una prospettiva credibile. È necessario invece andare alla sua radice originaria e rileggere, alla luce dei dati reali, una realtà che, con ogni evidenza, il gruppo dirigente del nostro partito da tempo non era più in grado di vedere.

Rifondazione comunista e la lista Ingroia

La verità va detta, senza veli né ipocrisie. L’adesione di Rifondazione comunista alla lista Ingroia costituisce un atto che prefigura una svendita politica peggiore di quella messa in campo nel 2008 con la lista Arcobaleno e poi sconfitta nel congresso di Chianciano.

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video