PRC - Falcemartello

Breadcrumbs

Il Prc entra nella Sinistra europea

Comitato politico nazionale del 6-7 marzo 2004

 

Con un voto di misura (67 favorevoli su 120 votanti) il Comitato politico nazionale del Prc ha confermato la scelta di adesione al futuro Partito della sinistra europea (Se). Chi ha seguito il dibattito interno ed esterno al Prc negli scorsi mesi sa che questa svolta è stata accompagnata da una vasta opera di revisione ideologica con la quale Bertinotti ha approfondito le posizioni assunte allo scorso congresso, sulla quale abbiamo già ampiamente riferito nello scorso numero della nostra rivista. Ne richiamiamo quindi solo per sommi capi i punti principali. Scelta non violenta “integrale” in nome del rifiuto della presa del potere, ripetute aperture al cattolicesimo, rottura con principi cardine del marxismo e del leninismo quali la teoria dell’imperialismo, la teoria marxista dello Stato e del partito, (il tutto raccolto sotto l’etichetta di comodo del “superamento del Novecento”), critica della Resistenza, sempre in nome del rifiuto della lotta per il potere, ecc.

Dichiarazione di voto contrario al documento
della segreteria e di astensione sul documento Ferrando
 

 

Le recenti iniziative assunte dopo l’ultimo Comitato politico nazionale gettano il partito nelle braccia dell’Ulivo senza praticamente lasciare alcuna possibilità credibile di correggere la rotta.

La svolta precipitosa verso l’Ulivo non trova alcuna giustificazione, neppure di facciata.

Documento conclusivo

 

I risultati delle elezioni amministrative e del referendum ci impongono un bilancio critico della politica seguita dal partito negli ultimi anni, e in particolare dopo l’ultimo congresso nazionale. Risulta in primo luogo evidente come nonostante due anni di mobilitazione politica e sociale quasi ininterrotta, il nostro partito non abbia compiuto quel salto di qualità in termini di influenza, radicamento, consenso (anche elettorale) che pure era interamente possibile.

Dopo il referendum

 

La sconfitta amara del referendum sull’articolo 18 apre un dibattito serio e approfondito nel partito. È necessario trarre un bilancio complessivo della linea seguita dal partito negli ultimi anni, e in particolare dopo l’ultimo congresso nazionale (aprile 2002). A nostro avviso gli avvenimenti delle ultime settimane chiamano in causa l’intera impostazione delle tesi congressuali e la pratica che ne è derivata.

UN PROGETTO COMUNISTA RIVOLUZIONARIO NELLA NUOVA FASE STORICA

INTRODUZIONE - SINTESI 

Il capitalismo mondiale riversa sempre più la propria crisi sulla condizione generale dell’umanità, minacciando una vera e propria regressione storica di civiltà. La ripresa delle guerre che ha segnato l’ultimo decennio -prima in Irak, poi nei Balcani, oggi in Afghanistan-, ne è il riflesso materiale e simbolico.

La rappresentazione della cosi detta “globalizzazione” capitalistica come avvento di un “nuovo capitalismo” capace di superare le sue antiche contraddizioni, è stata smentita dalla realtà.

 

La crisi che da un quarto di secolo segna l’economia del mondo non solo non è superata ma si ripropone oggi nella forma classica della recessione.

Tesi alternative al documento di minoranza sottoscritte da: Claudio Bellotti, Alesandro Giardiello, Gabriele Donato, Giuseppe Letizia, Jacopo Renda

 

INTRODUZIONE - SINTESI

Il capitalismo mondiale riversa sempre più la propria crisi sulla condizione generale dell’umanità, minacciando una vera e propria regressione storica di civiltà. La ripresa delle guerre che ha segnato l’ultimo decennio -prima in Irak, poi nei Balcani, oggi in Afghanistan-, ne è il riflesso materiale e simbolico.

La rappresentazione della cosi detta “globalizzazione” capitalistica come avvento di un “nuovo capitalismo” capace di superare le sue antiche contraddizioni, è stata smentita dalla realtà.

Ai compagni e alle compagne partecipanti all’assemblea nazionale di Progetto comunista

(30 giugno-1 luglio 2001)


Care compagne e cari compagni,


In questa assemblea i compagni firmatari di questa lettera non avranno diritto di intervenire, e neppure di partecipare.


Come noi, tutti i compagni sostenitori di FalceMartello, che a livello nazionale sono stati esclusi dalla preparazione di questa assemblea

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video