Breadcrumbs

NO all’aumento delle tasse!


L’ateneo di Firenze è letteralmente al collasso: il bilancio dell’università presenta un buco spaventoso, con un indebitamento per più di 150 milioni di euro. Questa situazione permane nonostante diverse “ristrutturazioni”, l’impiego consistente di personale precario e sottopagato (circa 2800 lavoratori), numerosi tagli ai servizi e addirittura la vendita di patrimoni immobiliari dell’università per pagare il personale amministrativo! Quest’anno, però, il rettore è dovuto anche ricorrere ad un pesante aumento delle tasse agli studenti che, attraverso un’astuta modifica delle fasce di tassazione, prevederà minime riduzioni per la fasce più basse e sostanziali aumenti per circa il 50% degli studenti, che arriveranno a pagare fino a 600 euro in più all’anno.

Sconfitti i ciellini e la destra


Il 16 e il 17 maggio all’Università Statale di Milano si sono tenute le elezioni per rinnovare la rappresentanza studentesca in seno agli organi accademici.

Per gli organi superiori (Senato accademico, Consiglio d’amministrazione, Comitato pari opportunità) concorrevano cinque liste: Sinistra universitaria (Ds), Obiettivo studenti (lista riconducibile a Comunione e Liberazione) e Azione universitaria (An), oltre a Unicentro (Udc) e a Universitari per la pace, di fatto una lista civetta.

16/17 maggio elezioni universitarie


A Parma oggi sono circa 30mila gli studenti iscritti all’Ateneo, e su tale numero si basano le percentuali per l’ottenimento dei finanziamenti statali (30% del Fondo di finanziamento ordinario, Ffo), oltre che sui “risultati” della didattica (30% del Ffo in base ai laureati in corso).

“L’Italia ha di fronte una grande sfida: rimettere il sapere al centro della politica,dell’economia, della società. (…) La formazione superiore e la ricerca libera costituiscono beni pubblici di fondamentale importanza ed è compito primario dello Stato sostenerle”. Con questi propositi l’Unione si è presentata alle elezioni 2006 in materia di Università e ricerca.

La fine del percorso della legge finanziaria coincide con la conclusione dell’autunno studentesco. Un autunno caratterizzato da una profonda, ma in molti casi non esplicita, contraddizione tra la politica dell’attuale coalizione al governo e le ragioni dei settori sociali che le avevano permesso di vincere lo scontro elettorale, in primis il mondo dell’istruzione.


Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video