Breadcrumbs

Appena Ben Ali è salito sull'aereo, diretto in Arabia Saudita venerdì, 14 gennaio, spodestato dal movimento rivoluzionario di massa dei lavoratori e dei giovani tunisini, la classe dirigente tunisina e i suoi burattinai imperialisti hanno iniziato le manovre per assicurarsi che il controllo della situazione venisse mantenuto.

Il mito di "Italiani, brava gente" viene smontato ancora una volta da quest'intervista a Fulvio Martini, a capo del servizio segreto militare dal 1984 al 1991, dove viene descritto chiaramente il ruolo attivo giocato dall'Italia nell'ascesa al potere di Ben Alì in Tunisia nel 1987. Una storia di ieri che ritorna d'attualità grazie all'insurrezione in atto nel paese del Maghreb e che ci parla del ruolo che l'Italia ha avuto ed ha ancora come potenza imperialista nel Mediterraneo.

È certamente difficile seguire il rincorrersi degli eventi in Tunisia, dove la protesta contro il carovita e per il diritto al lavoro, si è trasformata in un tentativo di rivoluzione: è un mese ormai, dal 17 dicembre che il popolo tunisino continua a scendere in piazza nonostante la dura repressione messa in atto dal governo di Ben Ali (stime delle organizzazioni umanitarie parlano di 66 morti).

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video