Breadcrumbs

La crisi sottopone i lavoratori a una pressione senza precedenti, con i licenziamenti, i tagli, i piani di austerità. Allo stesso modo mette anche a dura prova le concezioni politiche e i programmi di tutte le forze sindacali e politiche della sinistra. In tutta Europa i partiti riformisti si sono pienamente adeguati alle logiche del sistema e sono in prima linea nell’imporre le politiche di “risanamento”. I dirigenti delle principali organizzazioni sindacali si trovano completamente spiazzati e incapaci di organizzare una risposta all’altezza della situazione.

Tutto questo mette a nudo il vuoto a sinistra; esiste un dibattito fra le forze della sinistra di alternativa e nei settori sindacali più combattivi su quali possano essere le alternative alle politiche dominanti, ma una proposta chiara e capace di riaggregare la classe fatica ad emergere.

Da più parti ci si lamenta che i lavoratori non reagiscono e che c’è passività nella società. Noi crediamo che questa non sia altro che una scusa da parte di gruppi dirigenti che definire inadeguati è dire poco. È vero che la crisi rende difficile l’organizzazione del conflitto nei luoghi di lavoro, ma la rabbia che cresce nella società è enorme. In questo senso la Grecia ci indica il nostro futuro non solo per il carattere particolarmente profondo della crisi, ma anche per la grande risposta che da oltre un anno i lavoratori hanno saputo mettere in campo.

Il movimento operaio ha bisogno innanzitutto di percepire che nei suoi gruppi dirigenti c’è chiarezza di idee, di programmi e di proposte di azione. Purtroppo ciò che viene trasmesso in questo momento è l’esatto contrario: confusione, paura e subordinazione alle ragioni dell’avversario.

In campo vi sono sostanzialmente tre posizioni.

La borghesia dice “il debito va pagato, costi quello che costi, con decenni di austerità”. Su questo non vi sono sostanziali divergenze tra le grandi forze politiche, anche se esiste un conflitto, a volte latente e a volte aperto, tra debitori e creditori.

Una seconda posizione dice “il debito va pagato, ma il carico va equamente distribuito fra le varie classi sociali”; è la posizione delle burocrazie sindacali e delle forze riformiste; è anche presente nel Pd, tuttavia di fronte ai diktat dei “mercati”, ossia del capitale, queste forze non fanno altro che lamentarsi per poi inchinarsi. La Grecia lo dimostra (tragedia) e anche il Pd (farsa).

Infine una terza posizione viene proposta in ambiti di sinistra sindacale, di movimento giovanile, fra le forze della sinistra radicale, ed è la posizione di “non pagare il debito”. È di questa che vogliamo qui occuparci.



Richiedici l'opuscolo (prezzo: 2,00 euro): Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 0266107298

Joomla SEF URLs by Artio