Breadcrumbs

Ovvero l'abissale distanza tra i protagonisti del conflitto e la sinistra

Il 14 dicembre del 2010 sarà ricordato per molto tempo nel movimento studentesco come una giornata diversa dai soliti cortei studenteschi, che pure sono stati protagonisti, con decine di migliaia di studenti, delle piazze italiane nel percorso di protesta contro il ddl Gelmini.

Domani saremo in prima fila nelle mobilitazioni contro il governo che percorreranno non solo Roma ma altre decine città d'Italia. Qualunque sia l'esito dela crisi parlamentare, per studenti e lavoratori non si prospetta nulla di buono. Solo la lotta potrà garantire che la riforma Gelmini e gli altri provvedimenti reazionari del governo Berlusconi siano sconfitti.

Organizzare la resistenza alla Gelmini


Dopo i partecipati cortei dell’8 ottobre, gli studenti sono tornati in piazza in ordine sparso il 16 ottobre nel grande corteo convocato dalla Fiom. Il 17 ottobre si è riunita alla Sapienza l’assemblea dei movimenti convocata dall’appello “Uniti contro la crisi”. In quella discussione, alla presenza fra gli altri di Rinaldini, Landini e Pantaleo, si è discusso come dare continuità alle mobilitazioni studentesche e come unirle a quelle per i beni comuni, per l’acqua, per l’ambiente e soprattutto alla lotta dei lavoratori che ha al centro il conflitto fra gli operai della Fiat e l’azienda guidata da Marchionne.

Chi si aspettava che quest’anno l’attacco all’università pubblica passasse sotto silenzio e senza resistenze è stato subito smentito: già prima della riapertura le università sono state investite dalle mobilitazioni. La protesta dei ricercatori sta andando avanti e sta mettendo i rettori in grande difficoltà: per anni si è dato per scontato il loro sfruttamento, un giovane che voglia intraprendere il cammino della ricerca deve subire decenni di precariato, lavoro non pagato, umiliazioni, ricatti. Ora dicono basta a questa condizione e con il loro rifiuto di insegnare gratis stanno facendo emergere il collasso dell’università.

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video