Breadcrumbs

Il 25 marzo scorso si è riunito per la seconda volta dalla sua elezione (o meglio, nomina) il consiglio nazionale della Federazione della sinistra. Una forza davvero anomala la federazione, dopo due anni di “percorso”, ancora al congresso non s’era deciso il portavoce definitivo, ma ci s’era dati altri tre mesi di “percorso”, nel quale vigeva ancora il criterio della rotazione del portavoce fra i segretari dei quattro soci fondatori.


Intervista a Claudio Bellotti, pubblicata su Liberazione del 23 novembre 2010

Ieri Liberazione ha intervistato Claudio Bellotti,  rispetto al Congresso della Federazione della Sinistra che si è tenuto nello scorso fine settimana. Claudio è il primo firmatario dell'unico documento alternativo, "Contro la palude governista, per un polo della sinistra di classe", che è stato discusso in decine di assise provinciali nelle settimane precedenti.

La straordinaria riuscita della manifestazione del 16 ottobre segna una netta inversione di tendenza. Dopo due anni di crisi economica, a partire da Pomigliano la classe operaia ricomincia a serrare le fila e a mettere in campo una resistenza alla quale la Fiom ha avuto il merito di offrire un riferimento capace di rompere l’isolamento delle lotte tracciando una linea di battaglia comune. 

 Il nostro testo alternativo per il Congresso della Federazione della Sinistra(19-21 novembre 2010)
 
Rendiamo disponibile il documento che presenteremo alla discussione e al voto in tutti i congressi territoriali della Federazione della Sinistra. Invitiamo tutti i nostri lettori e sostenitori a fare altrettanto. Il regolamento congressuale infatti ha impedito che potesse avere pari dignità e diritti a livello nazionale rispetto al documento proposto dal Consiglio politico nazionale della FdS.

Il 28 luglio il consiglio nazionale della Federazione della sinistra ha varato, col solo voto contrario di Claudio Bellotti e due astensioni (Pegolo e Sonego) la bozza di documento politico per il proprio congresso costitutivo che dovrebbe tenersi entro dicembre. Torneremo in seguito sull’analisi di questo testo, di cui i punti fondamentali ci sembrano due. Il primo è la decisione di delegare alla Federazione tutte le decisioni in materia di presentazione elettorale e di presenza nelle istituzioni (gruppi e conseguente finanziamento), esautorando quindi completamente i soggetti promotori (Rifondazione, Pdci, Socialismo 2000, Lavoro e solidarietà). Il secondo riguarda la proposta avanzata al centrosinistra di dar vita a una “coalizione democratica” per sconfiggere Berlusconi e Bossi sulla base di una piattaforma di ripristino e di rinnovamento della nostra democrazia”.

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video