Breadcrumbs

Fra guerra e rivoluzione

La scelta del regime fascista di portare l’Italia in guerra rappresentò il coronamento di una politica consolidatasi nell’intero corso degli anni ’30. Il tentativo di superare, attraverso un deciso rilancio dell’interventismo statale, la grave crisi economica che aveva caratterizzato l’inizio di quel decennio era stato condizionato dall’esigenza di potenziare l’industria pesante: il regime perseguiva lo scopo di attrezzare il paese a sostenere l’ennesima contesa militare fra le grandi potenze che si andava profilando come un passaggio inevitabile per una nuova spartizione di risorse e mercati a livello mondiale.

Leggi tutto...

 Una lotta per il comunismo

Il periodo che va dal marzo 1943 al luglio 1948 rappresenta una delle pagine più gloriose della storia rivoluzionaria del proletariato nel nostro paese. Tale è stata la portata di quegli avvenimenti che ancor oggi sulle coscienze delle nuove generazioni di giovani studenti ed operai che si radicalizzano fischia il vento di quegli anni. Al contrario talmente tanta fu in quei mesi la paura provata dai capitalisti, che storici delle più varie estrazioni si sono accaniti lungo i successivi sessant’anni in ogni tipo di revisionismo nei confronti della guerra partigiana.

 

Leggi tutto...

Il Pci di fronte alla Resistenza


Il crollo del fascismo ed il macello della seconda guerra mondiale imperialista aprirono un periodo rivoluzionario prolungato che durò fino al 1948. Per spezzare il filo della tradizione comunista, la storiografia ufficiale presenta le lotte della Resistenza come patriottiche o, al più, solamente antifasciste, nascondendo o minimizzando il loro carattere operaio e rivoluzionario. Per cosa lottarono lavoratori e partigiani? Quale ruolo ebbe il Pci ed il suo massimo dirigente Togliatti? Perché la Resistenza non sfociò in una rivoluzione socialista?

 

 

Leggi tutto...

 Una lotta per il comunismo

Il periodo che va dal marzo 1943 al luglio 1948 rappresenta una delle pagine più gloriose della storia rivoluzionaria del proletariato nel nostro paese. Tale è stata la portata di quegli avvenimenti che ancor oggi sulle coscienze delle nuove generazioni di giovani studenti ed operai che si radicalizzano fischia il vento di quegli anni. Al contrario talmente tanta fu in quei mesi la paura provata dai capitalisti, che storici delle più varie estrazioni si sono accaniti lungo i successivi sessant’anni in ogni tipo di revisionismo nei confronti della guerra partigiana. 

Leggi tutto...
Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video