Breadcrumbs

Con l’elezione del governo di Syriza si pone per la prima volta dagli anni ’70 la questione della rivoluzione nel continente europeo. A questa prospettiva si contrappone, a sinistra, la “fabbrica dell’aria fritta”, ossia la continua ricerca di formule che giustifichino una ritirata di fronte alle imposizioni della Troika e la ricerca del compromesso.

Grandi speranze sono state suscitate, non solo in Grecia ma in tutta Europa, dalla vittoria elettorale di Syriza. Le masse greche avevano sostenuto con manifestazioni e presidi imponenti il governo Tsipras nelle sue trattative a Bruxelles

nikisoume smallAlan Woods analizza il braccio di ferro tra il governo di Atene e il capitalismo europeo dopo più di un mese dalla vittoria elettorale di Syriza e delinea le sfide che il proletariato e la gioventù greca ha di fronte.

L’unità della classe lavoratrice greca è decisiva per potere sostenere uno scontro vittorioso contro il capitale europeo e nazionale. Per questo motivo i nostri compagni della Tendenza comunista di Syriza hanno avanzato costantemente la proposta di un governo Syriza-Kke (il Partito comunista greco). Nonostante le masse abbiano concentrato a livello elettorale le loro forze su Syriza, il Partito comunista concentra nelle sue fila i settori più combattivi del movimento sindacale e in parte anche giovanile.

Il partito guidato da Alexis Tsipras ha ottenuto il 36,34% dei voti, diventando il primo partito del paese. Un risultato che esprime a gran voce la richiesta della fine delle politiche di austerità!

Joomla SEF URLs by Artio

E' on line!

rivoluzione sito set2015

Grecia

oxi banner small

Il nuovo quindicinale!

 

RIV 7 small

Abbonati

abbonamenti rivoluzione

Radio Fabbrica

Radio Fabbrica

Il sito di Sempreinlotta

I nostri video